Finalità
Per sostenere il contrasto all’abusivismo il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) mette a disposizione risorse a favore dei Comuni per la demolizione delle opere prive dei necessari permessi.

Destinatari
I Comuni nel cui territorio ricadono l'opera o l'immobile abusivo. Possono presentare istanza di contributo anche comuni che abbiano gia' partecipato ai precedenti bandi o che risultino vincitori degli stessi ai sensi dei provvedimenti di assegnazione fondi reperibili sulla sezione Amministrazione trasparente del sito internet del Ministero all'indirizzo link https://trasparenza.mit.gov.it/index.php?id_oggetto=28&id_doc=210702 purche' l'istanza abbia ad oggetto ulteriori interventi di demolizione identificati attraverso il codice CUP.

Entità del contributo
I contributi riguardano interventi ancora da eseguire e sono concessi a copertura del 50% del costo degli interventi di rimozione o di demolizione delle opere o degli immobili realizzati in assenza o totale difformita' dal permesso di costruire di cui all'art. 31 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, per i quali e' stato adottato un provvedimento definitivo di rimozione o di demolizione non eseguito nei termini stabiliti. Sono incluse le spese tecniche e amministrative, nonche' quelle connesse alla rimozione, trasferimento e smaltimento dei rifiuti derivanti dalle demolizioni.

Presentazione domande
I comuni possono presentare l'istanza attraverso la compilazione del modulo on-line che sara' disponibile alla pagina web https://fondodemolizioni.mit.gov.it a partire dalle ore 12,00 del 14 novembre 2022 e fino alle ore 12,00 del 14 dicembre 2022, il cui fac-simile e' allegato al presente avviso.
Ai sensi del decreto interministeriale n. 254 del 23 giugno 2020, in caso di insufficienza di fondi, l'ordine cronologico di presentazione delle istanze e' rilevante ai fini dell'ammissione al finanziamento

Finalità
Favorire l’innovazione e la digitalizzazione

Destinatari
Le agevolazioni sono rivolte alle micro e piccole imprese, in forma societaria di capitali o di persone, incluse le società cooperative, le associazioni non riconosciute, le fondazioni, le organizzazioni dotate di personalità giuridica no profit, nonché agli Enti del Terzo settore, iscritti o in corso di iscrizione al “RUNTS”,

Interventi finanziabili
- creazione di nuovi prodotti culturali e creativi per la diffusione live e online;
- diffusione dei prodotti culturali verso un nuovo pubblico (diminuzione del divario territoriale, raggiungimento categorie deboli) e verso l’estero;
- attività per la fruizione del proprio patrimonio attraverso piattaforme digitali e nuovi format narrativi;
- digitalizzazione del proprio patrimonio con obiettivo di conservazione, maggiore diffusione, condivisione;
- incremento del crowdsourcing e sviluppo di piattaforme open source per la realizzazione e condivisione di progetti.

Ambiti di intervento
- musica
- audiovisivo e radio
- moda
- architettura e design
- arti visive
- spettacolo dal vivo e festival
- patrimonio culturale materiale e immateriale
- artigianato artistico
- editoria, libri e letteratura
- area interdisciplinare (per chi opera in più di un ambito di intervento tra quelli elencati).

Dotazione finanziaria
115 milioni di euro prevista dal PNRR

Contributo concedibile
Sono finanziabili progetti fino a 100.000 euro - considerando sia le spese di investimento che il capitale circolante - da realizzare in 18 mesi.
Le agevolazioni sono concesse sotto forma di contributo a fondo perduto, fino all’80% delle spese ammissibili e comunque per un importo massimo di 75.000 euro, nel rispetto del regolamento de minimis. Le imprese devono finanziarie con risorse proprie la quota non coperta dalle agevolazioni.

Presentazione domanda
La domanda può essere presentata online dal 3 novembre 2022 e sino al al 1° febbraio 2023 attraverso il sito di Invitalia.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/rafforziamo-le-imprese/transizione-digitale-organismi-culturali-e-creativi)Avviso e allegati[Avviso e allegati]0 kB

Finalità
Finanziamenti fino a 2 milioni di euro a enti pubblici e Fondi di investimento per efficientare scuole, ospedali e palestre.
Finanziamenti a tasso agevolato per interventi di efficienza energetica e di efficientamento e risparmio idrico su tutta una serie di edifici pubblici. Le risorse afferiscono al Fondo Kyoto destinato alla riqualificazione energetica degli edifici scolastici, degli impianti sportivi e delle strutture sanitarie di proprietà pubblica.

Destinatari
I progetti possano essere presentati dai soggetti pubblici proprietari (o che hanno in uso) le seguenti tipologie di immobili:
- Strutture destinate all’istruzione scolastica (inclusi gli asili nido) e universitaria, nonché gli edifici pubblici dell’Alta formazione artistica, musicale e coreutica AFAM);
- Impianti sportivi, non compresi nel “Piano per la realizzazione di impianti sportivi nelle periferie urbane”;
- Edifici adibiti a ospedali, policlinici e a servizi socio-sanitari.
Oltre agli enti pubblici, al bando possono anche partecipare i Fondi di investimento immobiliare (previsti dal dl 98-2011) purchè però gli interventi riguardino gli edifici scolastici.

Tipologia interventi
Gli interventi finanziabili possono essere aggregati in tre macro categorie:
1) opere di riqualificazione energetica, a condizione però di assicurare un miglioramento del parametro dell’efficienza energetica dell’edificio oggetto di intervento di almeno due classi, in un periodo massimo di tre anni dalla data di inizio dei lavori di riqualificazione energetica.
2) interventi di efficientamento e risparmio idrico;
3) interventi strutturali per la prevenzione sismica degli edifici e interventi per la bonifica o per la messa in sicurezza delle parti di immobile contaminate da amianto. Tali opere, ove ritenute necessarie dalla progettazione complessiva, devono essere però strettamente connesse con il progetto di efficientamento energetico e possono essere finanziate nel limite massimo del 50% del finanziamento richiesto.

Dotazione finanziaria
166 milioni di euro

Finanziamenti e importi
I finanziamenti agevolati assumono la forma di prestiti di scopo, a rate semestrali, costanti (metodo francese), posticipate. L’ammortamento dei prestiti decorre dal 1° gennaio dell’anno successivo alla sottoscrizione del contratto di finanziamento agevolato (oppure dal 1° luglio dello stesso anno per i contratti conclusi nel primo semestre dell’annualità).
Il bando prevede tre fasce di interventi. La prima interessa quegli interventi che riguardano esclusivamente l’analisi, il monitoraggio, l’audit e la diagnosi energetiche per i quali è previsto:
- Un finanziamento di durata massima pari a 10 anni;
- Un importo massimo finanziabile per singolo edificio pari a 30mila euro.
La seconda interessa gli interventi relativi alla sostituzione degli impianti, incluse le opere necessarie alla loro installazione e posa in opera, la relativa progettazione, certificazione energetica ex ante ed ex post. In questo caso le quote sono più alte e infatti prevedono;
- Una durata massima del finanziamento agevolato pari a massimo a 20 anni;
- Un importo massimo finanziabile per singolo edificio pari ad 1 milione di euro.
La terza racchiude, infine, interventi di riqualificazione energetica dell’edificio, inclusi gli impianti, l’involucro e le relative opere di installazione e posa in opera, la progettazione e certificazione energetica ex ante ed ex post. In questo caso:
- La durata massima del finanziamento agevolato è pari a massimo di 20 anni;
- Mentre l’importo massimo finanziabile per singolo edificio sale a 2 milioni di euro.

Termini e modalità di partecipazione
Il bando è stato riaperto con l’Avviso pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24 ottobre 2022. La nuova scadenza per la presentazione delle domande è fissata per le ore 24,00 del 31 dicembre 2022 e la procedura di ammissione è effettuata secondo l’ordine cronologico di ricezione delle istanze, fino ad esaurimento dei fondi disponibili

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.mite.gov.it/notizie/riapertura-del-fondo-kyoto-0)Avviso[Avviso]0.2 kB

Finalità
Il bando 'Cultura Missione Comune 2022', mette a disposizione contributi per l'abbattimento totale degli interessi sui mutui della durata massima di 15 anni contratti dagli Enti Locali e Regioni per interventi sul patrimonio culturale (beni culturali e beni paesaggistici), compresi i beni del demanio culturale, gli istituti e i luoghi della cultura e le espressioni di identità culturale collettiva.

Destinatari
Comuni, Unioni di Comuni, Comuni in forma associata, Città Metropolitane, Province e Regioni

Interventi ammissibili
In particolare, sul patrimonio culturale sono ammissibili interventi di:
• Prevenzione, manutenzione e restauro, protezione, conservazione, salvaguardia e valorizzazione per assicurare le migliori condizioni di utilizzo e fruizione pubblica del patrimonio culturale stesso;
• Ampliamento, miglioramento, attrezzatura, efficientamento energetico, abbattimento barriere architettoniche e messa a norma di immobili appartenenti al patrimonio culturale;
• Digitalizzazione di beni culturali.
Gli interventi relativi al patrimonio culturale possono essere finalizzati, a titolo esemplificativo e non esaustivo, alla prevenzione, manutenzione e restauro, protezione, conservazione, salvaguardia e valorizzazione per assicurare le migliori condizioni di utilizzazione e fruizione pubblica del patrimonio culturale stesso; gli interventi di recupero e restauro di beni culturali, di recupero, restauro, ampliamento, attrezzatura, miglioramento, efficientamento energetico, abbattimento barriere architettoniche e messa a norma di immobili appartenenti al patrimonio culturale, gli interventi di digitalizzazione di beni culturali.

Entità del mutuo agevolabile
Nel dettaglio, l’importo complessivo massimo di mutuo agevolabile è pari a:
• 2 milioni di euro per i piccoli Comuni (fino a 5mila abitanti);
• 4 milioni di euro per i Comuni medi (da 5.001 a 100mila abitanti non capoluogo) le Unioni dei Comuni e i Comuni in forma associata;
• 6 milioni di euro per i Comuni capoluogo, i Comuni oltre i 100mila abitanti non capoluogo, le Città Metropolitane, le Province e le Regioni.
Le risorse complessive utilizzate sono a valere sul Piano Sviluppo e Coesione (PSC) del Ministero della Cultura e sono destinate per l’80% agli enti delle regioni del Mezzogiorno

Dotazione finanziaria
25 milioni di euro

Termini di partecipazione
Le istanze potranno essere presentate entro il 2 dicembre 2022, attraverso il portale dedicato sul sito www.creditosportivo.it. La procedura di selezione dei beneficiari è a sportello e prevede l’acquisizione di un punteggio minimo di accesso, sulla base di requisiti e parametri oggettivi di valutazione.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.creditosportivo.it/senza-categoria/cultura-missione-comune-2022-parte-il-bando-ics-in-collaborazione-con-anci-per-finanziamenti-a-tasso-zero-dedicati-agli-enti-territoriali/)Avviso e allegati[Avviso e allegati]0.2 kB

Finalità
Contrastare il caro bollette che sta colpendo anche le PA che erogano servizi al cittadino attraverso il finanziamento di progetti di efficienza energetica degli edifici pubblici.
L’avviso “Comuni per la Sostenibilità e l’Efficienza energetica - C.S.E. 2022” mira a supportare gli investimenti dei Comuni italiani al fine di promuovere la transizione verde e contrastare la crescita dei prezzi delle forniture energetiche.

Tipologie progetti finanziabili
Sono finanziabili le seguenti tipologie di progetti di efficienza energetica:
- impianti fotovoltaici,
- impianti solari termici,
-impianti a pompa di calore per la climatizzazione,
- sistemi di relamping,
- chiusure trasparenti con infissi e sistemi di schermatura solare generatori di calore.

Risorse complessive
320 milioni di euro, a valere sull’Asse “REACT – EU” del Programma Operativo Nazionale (PON) “Imprese e competitività” 2014-2020. Il bando riserva infatti il 50% delle risorse agli interventi di efficientamento energetico e di produzione di energia da fonti rinnovabili su edifici ubicati nei territori delle Regioni del Mezzogiorno e cioè: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Agevolazione
Il finanziamento sarà concesso nella forma del contributo a fondo perduto fino al 100% dei costi ammissibili secondo una procedura a sportello.

Termini e modalità
A decorrere dalle ore 10:00 del 23 novembre 2022, i soggetti istanti possono accedere alla piattaforma informatica gestita da Invitalia S.p.A. per conto del MiTE e avviare la procedura di compilazione delle istanze.
Il numero massimo di istanze presentabili da ciascun soggetto istante è pari a 5 (cinque)
Le istanze di concessione di contributo potranno essere presentate dal legale rappresentante dell’Amministrazione comunale, o da altro soggetto delegato, esclusivamente per via telematica utilizzando la piattaforma informatica predisposta. Lo sportello sarà aperto dalle ore 10:00 alle ore 17:00 di tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, a decorrere dal 30 novembre 2022, sino ad esaurimento della dotazione finanziaria del presente Avviso.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.mite.gov.it/bandi/avviso-c-s-e-2022-comuni-la-sostenibilita-e-l-efficienza-energetica)Avviso e allegati[Avviso e allegati]0.2 kB
f t g

Nicola Irto - Sito ufficiale

via Cardinale Portanova

89123 Reggio Calabria

tel. 0965.880992

e-mail: segreteria.nicolairto@gmail.com

Privacy Policy

   

 

 

Restiamo in contatto

Iscriviti alla newsletter per ricevere news e bandi