FINALITÀ
Il bando, inserito nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), si pone l’obiettivo di selezionare e finanziare proposte progettuali da parte di musei e luoghi della cultura privati, aventi ad oggetto la rimozione delle barriere fisiche, cognitive e sensoriali, per consentire un più ampio accesso e partecipazione alla cultura.

ENTI AMMISSIBILI
Possono presentare proposte istituti e luoghi di cultura privati, dotati di personalità giuridica, quali musei, biblioteche, archivi, aree e parchi archeologici, nonché i complessi monumentali appartenenti a soggetti privati e aperti al pubblico che espletano un servizio privato di utilità sociale. Possono presentare domanda anche soggetti che rivestano la qualifica di gestori degli stessi, purché producano apposita dichiarazione attestante l’autorizzazione del proprietario all’intervento oggetto della domanda di finanziamento.

INTERVENTI FINANZIABILI
I progetti possono prevedere interventi riguardanti opere materiali o azioni immateriali all’interno dello spazio fisico e virtuale del museo, archivio, biblioteca, area o parco archeologico e complesso monumentale, quali:
- Accessibilità all’esterno: implementazione del sito web dell’istituto e realizzazione di un punto informativo.
- Raggiungibilità e accesso ai percorsi e ai diversi servizi: segnaletica, interventi sui percorsi, parcheggi, arredi, servizi igienici, punti ristoro.
- Percorsi orizzontali e verticali: interventi per consentire il pieno utilizzo degli spazi, dispositivi che consentano un’esperienza di visita autonoma.
- Percorsi museali: strumenti che consentano una fruizione ampliata, dispositivi/ausili per il superamento di specifiche disabilità.
- Formazione specifica del personale per un’accoglienza cortes e attenta alla più vasta platea di visitatori.
- Sicurezza ed emergenza: interventi di messa in sicurezza di recenzioni, cancelli e percorsi, implementazione del piano di sicurezza ed emergenza volta all’accessibilità
- Valorizzazione: interventi volti al miglioramento dei temi dell’accessibilità ampliata.
I progetti devono essere avviati entro il 30 giugno 2023 e terminare entro il 30 giugno 2026.

RISORSE
Le risorse disponibili sono complessivamente pari a € 7.460.000,00.
L’entità del contributo non può superare i 200.000,00 euro. Il finanziamento è pari al 100% delle spese ammissibili per la realizzazione degli interventi.

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
Le domande dovranno essere presentate esclusivamente in modalità telematica, tramite la piattaforma telematica SERVIZI ONLINE del Ministero della cultura entro le ore 12.00 del 12 agosto 2022.

Allegati:
Accedi a questo URL (http://musei.beniculturali.it/notizie/notifiche/avviso-pubblico-per-proposte-di-intervento-per-la-rimozione-delle-barriere-fisiche-cognitive-e-sensoriali-dei-musei-e-luoghi-della-cultura-privati)Avviso e allegati[Avviso e allegati]0.2 kB

Finalità
Sostenere tutti quegli interventi finalizzati alla valorizzazione e promozione delle risorse del territorio che pongono in risalto il legame tra cultura, storia, arte, costume, tradizione, natura e sostenibilità ambientale.

Destinatari
Possono presentare domanda:
a) Enti pubblici per come definiti all’art. 1, comma 2, del D. Lgs. 30 marzo 2001 n. 165;
b) Fondazioni e Associazioni;
c) Imprese e loro consorzi;
d) Società cooperative.

Progetti ammissibili
I progetti presentati a valere sul presente Avviso sono volti alla realizzazione di Eventi culturali che potranno riguardare uno dei seguenti ambiti:
Letterario: evento realizzato anche in luoghi tra loro diversi e/o in più date, volto alla promozione/ diffusione di ogni forma di opera scritta, alla promozione e diffusione della lettura, alla presentazione/promozione di opere letterarie e/o all’organizzazione di premi letterari;
Teatrale amatoriale a carattere identitario: organizzazione, produzione e rappresentazione di opera teatrale amatoriale (non professionale), anche in luoghi tra loro diversi e/o in più date, le cui opere sono legate alla cultura e/o alla tradizione locale;
Esibizioni d’orchestra, Opera lirico-sinfonica, Jazz, Canto classico e Danza: concerti, esecuzioni canore, spettacoli di danza e teatro – danza, realizzate anche in luoghi tra loro diversi e/o in più date;
Esibizioni bandistiche: concerti e/o esecuzioni dal vivo, realizzati da gruppi bandistici composti da almeno 10 elementi, anche in luoghi tra loro diversi e/o in più date;
Mostre: eventi realizzati anche in luoghi tra loro diversi e/o in più date, volti alla promozione/diffusione di ogni forma di opera artistica, attraverso l’esposizione di opere tematiche;
Multidisciplinare: organizzazione di manifestazione di intrattenimento che presenti almeno tre discipline diverse conferenti agli ambiti sopra indicati (comprese le esibizioni musicali non previste ai punti 3 e 4) anche in luoghi tra loro diversi e/o in più date.

Dotazione finanziaria
La dotazione finanziaria disponibile è pari a €. 2.000.000,00 ed è articolata secondo le seguenti tipologie di intervento

Forma ed intensità del contributo
Il contributo concedibile è pari al 70% delle spese ammissibili.
A. Letterario - Importo massimo concedibile per progetto €. 20.000,00
B. Teatrale amatoriale a carattere identitario - Importo massimo concedibile per progetto €. 8.000,00
C. Esibizioni d’orchestra, opera lirico sinfonica, Jazz, Canto classico e Danza - Importo massimo concedibile per progetto €. 40.000,00
D. Esibizioni bandistiche - Importo massimo concedibile per progetto €. 20.000,00
E. Mostre - Importo massimo concedibile per progetto €. 50.000,00
F. Multidisciplinare - Importo massimo concedibile per progetto €. 30.000,00

Modalità di presentazione
Le domande unitamente alla documentazione prevista devono essere inviate esclusivamente a mezzo PEC, al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Nell’oggetto della PEC dovrà essere indicata la seguente dicitura: “Avviso pubblico Eventi Culturali 2022”.

Termini presentazione
L’avviso attualmente è in preinformazione

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.regione.calabria.it/website/portaltemplates/view/view_bando.cfm?4007)Avviso[Avviso]0.2 kB

Finalità
Il Fondo per piccole e medie imprese creative promuove la nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle imprese operanti nel settore creativo, attraverso la concessione di contributi, l’agevolazione nell’accesso al credito e la promozione di strumenti innovativi di finanziamento, nonché altre iniziative per lo sviluppo del settore.

Destinatari
Il Fondo è rivolto a sostenere imprese di micro, piccola e media dimensione, con sede legale e operativa ubicata su tutto il territorio nazionale, operanti nel settore creativo, in fase di costituzione ovvero già costituite alla data di presentazione della domanda di agevolazione
Tipologia Agevolazioni
E’ prevista la concessione di agevolazioni nell’ambito di una delle tre seguenti linee di azione:
- programmi di investimento realizzati da singole imprese creative;
- programmi di investimento realizzati da imprese creative con una prospettiva di collaborazione rispetto ad altre imprese creative o a imprese anche non operanti nel settore creativo;
- investimenti nel capitale di rischio delle imprese creative, a beneficio esclusivo di quelle che costituiscono start up innovative e PMI innovative.
Il Fondo si rivolge, altresì, alle imprese di micro, piccola e media dimensione operanti in qualunque settore, fatte salve le esclusioni derivanti dalla normativa in materia di aiuti di Stato applicabile, che intendono acquisire un supporto specialistico nel settore creativo.

Iniziative finanziabili
Le iniziative volte a promuovere la nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle imprese creative devono:
- essere realizzate entro 24 mesi decorrenti dalla data di sottoscrizione del provvedimento di concessione;
- prevedere spese ammissibili non superiore a 500.000,00 euro, al netto di IVA;
- riguardare, per le imprese costituite da non più di 5 anni al momento della presentazione della domanda di agevolazione l’avvio o lo sviluppo dell’impresa creativa ovvero, per le imprese costituite da più di 5 anni al momento della presentazione della predetta domanda, l’ampliamento o la diversificazione della propria offerta di prodotti e servizi e del proprio mercato di riferimento o l’introduzione di innovazioni ed efficientamento del processo produttivo.

Dotazione finanziaria
28 milioni di euro

Cosa finanzia
Il Fondo imprese creative finanzia progetti fino a 500.000 euro - considerando sia le spese di investimento che il capitale circolante - finalizzati alla creazione, sviluppo e consolidamento delle imprese creative, da realizzare in 24 mesi.
Le agevolazioni:
- finanziamento agevolato a tasso zero, fino al 40% della spesa ammessa
- contributo a fondo perduto fino al 40% della spesa ammessa
Le imprese devono finanziarie con risorse proprie la quota non coperta dalle agevolazioni.

Spese finanziabili
- impianti, macchinari e attrezzature nuove di fabbrica
- componenti hardware e software
- brevetti, marchi e licenze
- certificazioni, know-how e conoscenze tecniche direttamente correlate alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa
- opere murarie nel limite del 10% del programma complessivamente considerato ammissibile
Alcuni esempi di capitale circolante:
- materie prime
- servizi necessari allo svolgimento delle attività dell’impresa
- godimento beni di terzi
- costo del lavoro dipendente assunto a tempo indeterminato

Presentazione della domanda
La domanda può essere inviata esclusivamente online attraverso la piattaforma web di Invitalia a partire dal 5 luglio 2022

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/creiamo-nuove-aziende/fondo-imprese-creative)Portale Invitalia[Portale Invitalia]0 kB

Finalità
Ridurre i consumi del settore agroalimentare riqualificando le strutture produttive e utilizzando i tetti degli edifici per arrivare ad una potenza installata pari ad almeno 375.000 kW nel 2026.

Tipologia intervento
Saranno finanziati progetti che prevedono l’acquisto e la posa in opera di pannelli sui tetti di fabbricati strumentali all’attività agricola, compresi quelli delle imprese agrituristiche.
Gli interventi ammissibili all'agevolazione, da realizzare sui tetti di fabbricati strumentali all'attivita' agricola, zootecnica e agroindustriale, devono prevedere l'installazione di impianti fotovoltaici, con potenza di picco non inferiore a 6 kWp e non superiore a 500 kWp.
L’intervento, per cui si richiede il contributo, può inoltre prevedere la rimozione e lo smaltimento dell’amianto, l’isolamento termico dei tetti, la realizzazione di un sistema di aerazione, connesso alla sostituzione del tetto, mediante tetto ventilato e camini di evacuazione dell’aria.

Dotazione finanziaria
1,5 miliardi di euro.
La spesa massima ammissibile per singolo progetto è pari a 750mila euro, nel limite massimo di 1 milione di euro per soggetto beneficiario.

Domande di partecipazione
E’ in corso di approvazione l’avviso che fissa le date e le modalità per la presentazione delle domande. I contributi saranno concessi, fino ad esaurimento, sulla base di tale avviso.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/18319)Decreto ministeriale[Decreto ministeriale]0 kB

FINALITA'
Il Ministero della Transizione Ecologica (MiTE) ha indetto un concorso pubblico per conferire incarichi di collaborazione a 92 esperti per la transizione ecologica in vari profili professionali: management, giuridico-economico, progettazione tecnica, comunicazione e ITC
Le risorse selezionate contribuiranno ad attuare gli interventi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

POSTI DA RICOPRIRE
n. 3 program manager PNRR M2C1 Economia circolare e agricoltura sostenibile;
n. 3 program manager PNRR M2C2 Energia rinnovabile, idrogeno, rete e mobilità sostenibile;
n. 2 program manager PNRR M2C3 Efficienza energetica e riqualificazione degli edifici;
n. 2 program manager PNRR M2C4 Tutela del territorio e della risorsa idrica;
n. 35 project manager;
n. 5 area manager coordinator PNRR M2C2 – M2C3;
n. 2 area manager coordinator PNRR M2C4 – M3C2;
n. 8 area manager;
n. 2 esperti aiuti di Stato;
n. 5 esperti in procedure di gara e contrattualistica pubblica;
n. 1 esperto giuridico normativa ambientale;
n. 3 esperti giuridici pareri e autorizzazioni ambientali;
n. 3 esperti finanza e gestione dei finanziamenti;
n. 2 esperti ufficio stampa;
n. 1 esperto digital marketing;
n. 2 esperti supporto ICT;
n. 2 tecnici esperti in progettazione tecnica, esecuzione di opere ed interventi pubblici, monitoraggio e controllo, missione PNRR M2C1 Economia circolare e gestione dei rifiuti;
n. 1 tecnico esperto in progettazione tecnica, esecuzione di opere ed interventi pubblici, monitoraggio e controllo, missione PNRR M2C2 Energia rinnovabile, idrogeno, rete e mobilità sostenibile;
n. 1 tecnico esperto in progettazione tecnica, esecuzione di opere ed interventi pubblici, monitoraggio e controllo, missione PNRR M2C3 Efficienza energetica e riqualificazione degli edifici;
n. 3 tecnici esperti in progettazione tecnica, esecuzione di opere ed interventi pubblici, monitoraggio e controllo, missione PNRR M2C4 Tutela del territorio e della risorsa idrica;
n. 2 tecnici esperti monitoraggio ambientale PNRR M2C1;
n. 2 esperti attuazione politiche finanziate con i fondi europei;
n. 1 esperto ambito economico – mercato elettrico e/o energia;
n. 1 esperto ambito economico – territorio e risorsa idrica.

REQUISITI GENERALI
Possono candidarsi all’opportunità del MiTE coloro che possiedono i requisiti generali di seguito riassunti:

laurea magistrale / specialistica o diploma di vecchio ordinamento o diploma accademico di secondo livello o diploma accademico del vecchio ordinamento nelle discipline indicate per ogni profilo;
– solo per i project manager, per gli 8 posti area manager e i 3 esperti finanza e gestione dei finanziamenti, invece dei titoli di cui sopra, sono richiesti: laurea di primo livello o diploma universitario o diploma accademico di primo livello;
– solo per i 2 esperti ufficio stampa e per l’esperto digital marketing sono necessari: laurea di primo livello o diploma universitario o diploma accademico di primo livello in discipline umanistiche o scienze della comunicazione;
– solo per i 2 esperti supporto ICT: laurea di primo livello o diploma universitario o diploma accademico di primo livello in scienze e tecnologie informatiche oppure in discipline scientifico / tecnologiche;
conoscenza della lingua inglese di livello B2 del QCER; solo per gli esperti ufficio stampa e per l’esperto digital marketing: conoscenza di livello C1;
comprovata esperienza professionale negli ambiti corrispondenti ai ruoli;
per i 2 esperti aiuti di Stato, per i 5 esperti in procedure di gara e contrattualistica pubblica, per l’esperto giuridico normativa ambientale e per i 3 esperti giuridici pareri e autorizzazioni ambientali è necessaria anche l’iscrizione all’albo degli avvocati;
per i 2 esperti ufficio stampa: iscrizione all’albo dei giornalisti.
Ciascuna figura professionale messa a concorso richiede specifici requisiti e prevede anche titoli preferenziali, per i cui dettagli rimandiamo alla pagina internet riportata a fine articolo.

SEDE
Le prestazioni lavorative saranno svolte a Roma.

PROCEDURA SELETTIVA
Le domande di partecipazione alla selezione saranno esaminate attraverso la piattaforma digitale per l’invio delle candidature sulla base della verifica del possesso dei requisiti obbligatori.
Coloro che verranno ammessi alla fase successiva, saranno quindi preselezionati mediante la valutazione di titoli ed esperienze in relazione a una griglia di valutazione dei titoli preferenziali.
A seconda dei criteri previsti dalla griglia, la piattaforma elaborerà un elenco dei candidati in ordine di punteggio. Il MiTE, quindi, in base all’elenco, inviterà a un colloquio selettivo un numero di candidati pari ad almeno 2 volte il numero di figure richieste.

CONTRATTO
Il contratto di lavoro offerto agli esperti per la transizione ecologica del MiTE è un incarico di collaborazione. La durata prevista è dalla stipula e registrazione fino al 31 dicembre 2023.

COMPENSI
Il corrispettivo lordo annuo va da 70.000 a 90.000 Euro, a seconda del profilo professionale.

COME CANDIDARSI
Gli interessati al concorso del MiTE rivolto a esperti per la transizione ecologica ai quali conferire incarichi in vari ambiti possono candidarsi entro il 4 luglio 2022 alle ore 18.00 esclusivamente online, previa registrazione alla piattaforma digitale gestita dalla Società Manpower S.r.l. nell’area “Candidati facilmente”.
Alla domanda di partecipazione dovrà essere allegato il curriculum vitae formativo – professionale con l’esplicita autorizzazione al trattamento dei dati personali.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.manpower.it/azienda/ministero-della-transizione-ecologica)Portale presentazione istanze[Portale presentazione istanze]0 kB
f t g

Nicola Irto - Sito ufficiale

via Cardinale Portanova

89123 Reggio Calabria

tel. 0965.880992

e-mail: segreteria.nicolairto@gmail.com

Privacy Policy

   

 

 

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere direttamente sulla tua e-mail news e bandi