Oggetto
E' stato pubblicato il DM 30 gennaio 2020 che dà attuazione allo stanziamento previsto dalla legge di Bilancio (L. 160/2019) a favore dei Comuni. In particolare per ciascuno degli anni dal 2021 al 2024 sono assegnati ai Comuni contributi per investimenti destinati ad opere pubbliche. Nei giorni scorsi è stato pubblicato il DM 14 gennaio 2020 con cui è stata ripartita tra gli Enti locali la quota di risorse del 2020. Il nuovo decreto 30 gennaio 2020 ripartisce e assegna i fondi per le annualità dal 2021 al 2024.

Destinatari
Comuni

Tipologia interventi
Sono finanziati i seguenti interventi:
a) efficientamento energetico, ivi compresi interventi volti all'efficientamento dell'illuminazione pubblica, al risparmio energetico degli edifici di proprieta' pubblica e i edilizia residenziale pubblica, nonche' all'installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili;
b) sviluppo territoriale sostenibile, ivi compresi interventi in materia di mobilita' sostenibile, nonche' interventi per l'adeguamento e la messa in sicurezza di scuole, edifici pubblici e patrimonio comunale e per l'abbattimento delle barriere architettoniche.

Attribuzione contributi
I contributi sono attribuiti ai Comuni sulla base della popolazione residente alla data del 1° gennaio 2018 come di seguito indicato:
-  50.000 euro ai comuni con popolazione inferiore o uguale a 5.000 abitanti
-  70.000 euro ai comuni con popolazione compresa tra 5.001 e 10.000 abitanti
-  90.000 euro ai comuni con popolazione compresa tra 10.001 e 20.000 abitanti
- 130.000 euro ai comuni con popolazione compresa tra 20.001 e 50.000 abitanti
- 170.000 euro ai comuni con popolazione compresa tra 50.001 e 100.000 abitanti
- 210.000 euro ai comuni con popolazione compresa tra 100.001 e 250.000 abitanti
- 250.000 euro ai comuni con popolazione superiore a 250.000 abitanti

Dotazione finanziaria
500 milioni di euro annui dal 2021 al 2024

Inizio lavori
I Comuni sono tenuti ad iniziare l’esecuzione dei lavori per la realizzazione delle opere pubbliche entro il 15 settembre di ciascuna annualità.

Erogazione dei contributi
- acconto del 50% previa verifica dell’avvenuto inizio dei lavori entro il 15 settembre
- saldo del 50% previa trasmissione del certificato di collaudo o del certificato di regolare esecuzione rilasciato dal Direttore dei lavori.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://dait.interno.gov.it/documenti/decreto_fl_30-01-2020-allegati_0.pdf)Elenco importi per Comune[Elenco importi per Comune]6 kB
Accedi a questo URL (https://dait.interno.gov.it/documenti/decreto_fl_30-01-2020.pdf)Decreto 30 gennaio 2020[Decreto 30 gennaio 2020]6 kB

Finalità
Incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, nonché incentivare le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli per l’acquisto di nuovi macchinari e attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, migliorare il rendimento e la sostenibilità globali e, in concomitanza, conseguire la riduzione del livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali.

Destinatari
I soggetti destinatari dei contributi sono le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura.
Per i progetti finalizzati alla riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (Asse 2) posso partecipare anche gli Enti del terzo settore.

Progetti ammessi a contributo
Sono ammessi a contributo progetti ricadenti in una delle seguenti tipologie:
- Progetti di investimento e Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale - Asse di finanziamento 1 (sub Assi 1.1 e 1.2)
- Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC) - Asse di finanziamento 2
- Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto - Asse di finanziamento 3
- Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività - Asse di finanziamento 4
- Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli -Asse di finanziamento 5 (sub Assi 5.1 e 5.2

Dotazione finanziaria
Le risorse a disposizione ammontano a oltre 250 milioni di euro, ripartiti per regione (Calabria 10 milioni di euro).

Ammontare del contributo

AsseFinanziamenti e ambito degli interventiCopertura massima delle spese ammissibiliFinanziamento minimoFinanziamento massimo
Asse 1 Isi Generalista 94.226.450 euro per i progetti di investimento e due milioni per i progetti di adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale 65% 5.000 euro 130.000 euro
Asse 2 Isi Tematica 45 milioni di euro per la realizzazione di progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi 65% 5.000 euro 130.00 euro
Asse 3 Isi Amianto 60 milioni di euro per progetti di bonifica da materiali contenenti amianto 65% 5.000 euro 130.000 euro
Asse 4 Isi Micro e Piccole Imprese 10 milioni per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza realizzati nelle micro e piccole imprese operanti nei settori della fabbricazione mobili e della pesca 65% 2.000 euro 50.000 euro
Asse 5 Isi Agricoltura 33 milioni per la generalità delle imprese agricole e 7 milioni per i giovani agricoltori (under 40), organizzati anche in forma societaria.per progetti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli 40% per i soggetti destinatari del sub Asse 5.1 (generalità delle imprese agricole) e 50% per i soggetti destinatari del sub Asse 5.2 (giovani agricoltori) 1.000 euro 60.000 euro


Modalità e tempistiche di presentazione della domanda

Le imprese devono richiedere l’accesso ai finanziamenti in modalità telematica sul portale INAIL attraverso una procedura “valutativa a sportello” articolata in diverse fasi.
In particolare sono quattro le date di scadenza secondo il seguente calendario:
- apertura della procedura informatica per la compilazione;
- chiusura della procedura informatica per la compilazione;
- acquisizione codice identificativo per l’inoltro online;
- comunicazione relativa alle date di inoltro online.

Calendario scadenze Isi 2019Date
Apertura della procedura informatica per la compilazione della domanda 16 aprile 2020
Chiusura della procedura informatica per la compilazione della domanda 29 maggio 2020
Acquisizione codice identificativo per l’inoltro online 5 giugno 2020
Comunicazione relativa alle date di inoltro online 5 giugno 2020
Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.inail.it/cs/internet/attivita/prevenzione-e-sicurezza/agevolazioni-e-finanziamenti/incentivi-alle-imprese/bando-isi-2019.html?id1=6443141574739#anchor)Avviso e allegati[Avviso e allegati]0 kB

Finalità
Contributi agli Enti locali per consentire l’adeguamento alla normativa antincendio degli edifici destinati ad uso scolastico.

Soggetti ammessi
Possono presentare richiesta di finanziamento tutti gli enti locali con riferimento a uno o più edifici pubblici adibiti ad uso scolastico di ogni ordine e grado.

Contributo
L’importo massimo del contributo per gli interventi di cui al presente avviso con riferimento ad edifici scolastici ospitanti istituzioni scolastiche del primo ciclo di istruzione (infanzia, primarie e secondarie di primo grado) è pari a € 70.000,00
L’importo massimo del contributo per gli interventi di cui al presente avviso con riferimento ad edifici scolastici ospitanti istituzioni scolastiche del secondo ciclo di istruzione (licei, istituti tecnici e professionali) è pari a € 100.000,00.

Stanziamento complessivo
98 milioni di euro di cui euro 5.334.524,29 in Calabria.

Modalità e termini partecipazione
Gli enti locali interessati, tramite il legale rappresentante o loro delegato, devono far pervenire la propria candidatura, utilizzando esclusivamente la piattaforma informativa a tal fine realizzata, collegandosi al seguente link: https://www.istruzione.it/edilizia_scolastica/finantincendio.shtml entro e non oltre le ore 15.00 del giorno 27 febbraio 2020.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.miur.gov.it/documents/20182/2432359/m_pi.AOODGEFID.REGISTRO+UFFICIALE%28U%29.0000532.16-01-2020.pdf/f6bb7c67-f02d-5155-c996-2ae81626a8ab?version=1.0&t=1579273858126)Avviso[Avviso]0.2 kB

Finalità
Brevetti+ è finalizzato all'acquisto di servizi specialistici per la valorizzazione economica di un brevetto in termini di redditività, produttività e sviluppo di mercato.

Destinatari
Le agevolazioni sono rivolte alle micro, piccole e medie imprese, anche appena costituite, con sede legale e operativa in Italia, che possiedono almeno uno dei seguenti requisiti:
- titolari o licenziatari di un brevetto per invenzione industriale concesso in Italia successivamente al 1° gennaio 2017
- titolari di una domanda nazionale di brevetto per invenzione industriale depositata successivamente al 1 gennaio 2016 con un rapporto di ricerca con esito “non negativo”
- titolari di una domanda di brevetto europeo o di una domanda internazionale di brevetto depositata successivamente al 1 gennaio 2016, con un rapporto di ricerca con esito “non negativo” che rivendichi la priorità di una precedente domanda nazionale di brevetto
- in possesso di una opzione o di un accordo preliminare che abbia per oggetto l’acquisto di un brevetto o l’acquisizione in licenza di un brevetto per invenzione industriale, rilasciato in Italia successivamente al 1 gennaio 2017, con un soggetto, anche estero, che ne detenga la titolarità
- imprese neo-costituite in forma di società di capitali, a seguito di operazione di Spin-off universitari/accademici.

Interventi finanziabili
L’incentivo può finanziare l’acquisto di servizi specialistici relativi a:
- industrializzazione e ingegnerizzazione
- organizzazione e sviluppo
- trasferimento tecnologico.

Contributo
Le agevolazioni prevedono un contributo a fondo perduto fino a un massimo di 140.000 euro che non può superare l’80% dei costi ammissibili.
Per gli spin-off accademici e per le iniziative con sede operativa in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia le agevolazioni possono arrivare al 100% dei costi ammissibili.
Gli incentivi sono concessi nel regime de minimis.

Dotazione finanziaria
Brevetti+ ha una dotazione di 21,8 milioni di euro, cui potranno aggiungersi le risorse del PON Imprese e Competitività a favore delle iniziative localizzate nelle regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia).

Presentazione domande
Le domande possono essere presentate dalle ore 12:00 del 30 gennaio 2020, fino ad esaurimento delle risorse disponibili, esclusivamente on line sulla piattaforma dedicata.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/rafforziamo-le-imprese/brevetti/cose)Avviso e allegati[Avviso e allegati]0.1 kB

Finalità
Attraverso il seguente bando nazionale, promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale Biblioteche e gli Istituti Culturali, possono essere finanziati:
- convegni propriamente detti e quindi rimarranno esclusi i corsi di formazione, le iniziative attinenti unicamente alla vita dell’ente proponente o concernenti temi di scarsa rilevanza culturale e la presentazione di volumi, manifestazioni di semplice valenza informativo/divulgativa o celebrativa, premi.
- pubblicazioni inedite di particolare rilevanza scientifica, tali da costituire un importante contributo ai fini della tutela e della valorizzazione del patrimonio culturale italiano. Non saranno prese in considerazione le opere di divulgazione, i cataloghi di mostre, gli atti di convegno, le opere di carattere enciclopedico o non propriamente di natura scientifica.

Beneficiari
Sono ammessi a presentare domanda le associazioni, le fondazioni ed altri organismi senza fini di lucro, costituiti con atto pubblico ed operanti sul territorio nazionale, ad eccezione di enti statali, enti locali ed università.

Entità del contributo
L’ammontare del contributo non può superare il 50% delle spese previste.

Termini e modalità di partecipazione
I soggetti interessati devono presentare la domanda entro il 31 gennaio 2020 tramite raccomandata a: Ministero dei beni e delle attività culturali – Direzione Generale Biblioteche e Istituti Culturali Servizio I – Via Michele Mercati, 4 00197 Roma. In alternativa, è possibile presentare la domanda attraverso Posta Elettronica Certificata (PEC), all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Allegati:
Accedi a questo URL (http://www.librari.beniculturali.it/it/contributi/convegni-e-pubblicazioni/)Avviso e allegati[Avviso e allegati]41 kB
f t g

Nicola Irto - Sito ufficiale

Vicepresidente Consiglio regionale della Calabria

via Cardinale Portanova
89100 Reggio Calabria
e-mail: segreteria.nicolairto@gmail.com
tel. 0965.880992

 

 

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere direttamente sulla tua e-mail news e bandi