Finalità
Sostenere nel tempo la prosecuzione di metodi e pratiche biologiche

Beneficiari
I destinatari dell’avviso sono agricoltori o associazioni di agricoltori che hanno adottato e si impegnano a mantenere i metodi e le pratiche di produzione biologica e che al momento del rilascio della domanda possiedono i seguenti requisiti:
- sono agricoltori “in attività”. Il requisito di agricoltore attivo deve desumersi dal fascicolo aziendale;
- risultano iscritti nell’elenco degli operatori del settore biologico;
- hanno la disponibilità di una superficie minima ammissibile al premio di 2 ettari (2 Ha), per i beneficiari singoli; di 5 ettari per i soggetti associati; nel caso di agricoltori associati, la superficie di ogni singolo agricoltore deve essere almeno pari a 0,5 ettari. La disponibilità a vario titolo (proprietà-diritti reali di godimento – comodato ecc. …) dovrà evincersi dal fascicolo aziendale;

Localizzazione
L’intervento si applica su tutto il territorio della regione Calabria.

Importo del premio
Il livello di sostegno annuale è calcolato tenendo conto dei costi aggiuntivi e dei minori guadagni in confronto alle pratiche ordinarie utilizzate nella regione Calabria che rispettano le baseline, ivi compreso il “greening”. Il sostegno tiene conto, inoltre, di eventuali costi aggiuntivi legati ad effetti benefici di mitigazione ed adattamento ai cambiamenti climatici. Il premio base annuale ad ettaro è differenziato per coltura/gruppo di colture secondo la tabella riportata nell’avviso.

Dotazione finanziaria
La dotazione finanziaria del bando, che comprende tre annualità, è di 20 milioni l’anno.

Modalità di presentazione della domanda
Le domande volte ad ottenere la concessione degli aiuti, formulate esclusivamente sugli appositi modelli predisposti dall’Organismo Pagatore ARCEA (è obbligatorio compilare i campi relativi all’indicazione dei recapiti telefonici e della PEC dei soggetti richiedenti), devono essere prodotte utilizzando la funzionalità on line messa a disposizione dall’O.P. ARCEA disponibile mediante il portale SIAN (www.sian.it), per il tramite di un Centro Autorizzato di Assistenza Agricola accreditato dall’OP ARCEA.

Termine presentazione
15 giugno 2020 Le domande possono essere presentate con un ritardo di 25 giorni di calendario successivi rispetto al termine previsto del 15 giugno e comunque entro e non oltre il 10 luglio

Allegati:
Accedi a questo URL (http://www.calabriapsr.it/bandi/bandi-aperti/1286-psr-calabria-2014-2020-misura-11-11-02-01-pagamento-per-il-mantenimento-di-metodi-e-pratiche-biologiche-annualita-2020)Avviso[Avviso]0.2 kB

Finalità
Il progetto è volto a fornire un supporto concreto alle Amministrazioni destinatarie per il miglioramento della qualità dei servizi, l’organizzazione del personale, anche con riferimento agli adempimenti previsti dai quadri regolamentari e normativi di riferimento e delle funzioni ordinarie attribuite dal Testo Unico degli Enti Locali, il potenziamento dello smart working e la gestione degli appalti pubblici.

Soggetti destinatari degli interventi
Piccoli Comuni, così come individuati dalla Legge 6 ottobre 2017, n. 158, art. 1, c. 2 “comuni con popolazione residente fino a 5.000 abitanti nonché i comuni istituiti a seguito di fusione tra comuni aventi ciascuno popolazione fino a 5.000 abitanti”, in forma singola o aggregata o nelle forme associative previste dalla normativa vigente a livello nazionale o regionale.

Ambiti tematici di intervento
Gli interventi ammissibili, coerentemente con le regole di ammissibilità e le finalità del PON “Governance e Capacità Istituzionale” 2014-2020 Asse 1 e Asse 3 per la parte relativa alla delega all’Organismo Intermedio Dipartimento della funzione pubblica, riguardano i seguenti ambiti tematici di intervento, anche con riferimento alle funzioni ordinarie individuate nel Testo Unico degli Enti Locali:
1. il rafforzamento della capacità amministrativa per lo smart working, anche in risposta alla contingente emergenza sanitaria, intesa come azione formativa abilitante rivolta sia al livello dirigenziale che ai dipendenti dell’amministrazione, per sviluppare e rafforzare le competenze necessarie alla definizione dei piani amministrativi di smart working e all’avvio dei processi di riorganizzazione necessari ad avviare i progetti di smart working;
2. il rafforzamento della capacità amministrativa con particolare riferimento alle materie del bilancio, della contabilità, della gestione personale e della riscossione dei tributi anche attraverso l’utilizzo di nuove piattaforme digitali (ad esempio adesione alla piattaforma Pago PA);
3. lo sviluppo delle competenze, dei modelli e dei format per gli acquisti e gli appalti pubblici, anche in ottica di prevenzione e contrasto della corruzione, e lo sviluppo di competenze nei termini più ampi di approcci, interventi e adempimenti in tema di trasparenza, pubblicità e anticorruzione;
4. la riduzione dei tempi dei procedimenti e dei costi della regolazione, compresi quelli amministrativi, con particolare riferimento a quelli riconducibili alle iniziative imprenditoriali;
5. lo sviluppo di modelli di gestione delle politiche territoriali per il miglioramento dell’efficienza organizzativa e dei processi amministrativi, anche attraverso forme efficienti di gestione associata di servizi locali, di gestione delle risorse provenienti dalla programmazione europea, di programmazione e gestione di piani e modalità di reclutamento del personale.

Fasi di realizzazione
FASE 1, Avviso per la manifestazione di interesse a partecipare al progetto da parte dei potenziali destinatari, con l’indicazione dei fabbisogni e degli ambiti tematici di intervento individuati dai medesimi;
FASE 2, progettazione partecipata del Piano di intervento, formulato da ciascun Comune o aggregazione di essi con il supporto di uno o più centri di competenza nazionale individuati ad hoc, con definizione delle modalità attuative e della dotazione finanziaria del medesimo Piano; successiva valutazione e approvazione dei Piani di intervento secondo le procedure che verranno adottate nell’ambito del progetto complesso;
FASE 3, implementazione delle attività previste nel Piano di Intervento da parte di centri di competenza nazionali individuati ad hoc, in accordo con i soggetti destinatari e secondo le modalità definite nel Piano medesimo, che provvederanno a rendicontare le attività realizzate al Dipartimento della funzione pubblica secondo le modalità che verranno stabilite tra le parti, sollevando i soggetti destinatari da ogni onere di rendicontazione, ovvero attraverso modalità di rendicontazione semplificate, come ad esempio, l’opzione lump sums, che riducono gli oneri amministrativi in capo ai comuni.

Risorse Finanziarie
42 milioni di euro. Gli interventi sono finanziati fino ad esaurimento delle risorse.

Modalità di partecipazione
Le domande dovranno avere per oggetto “Manifestazione di interesse alla partecipazione al progetto Rafforzamento della capacità amministrativa dei Piccoli Comuni” ed essere inviate via pec all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Allegati:
Accedi a questo URL (http://www.funzionepubblica.gov.it/articolo/dipartimento/20-05-2020/avviso-ai-comuni-con-meno-di-5000-abitanti-manifestare-interesse)Avviso e allegati[Avviso e allegati]55 kB

Finalità
Concessione di contributi economici straordinari, da erogare una tantum, rivolto a studenti universitari ‘fuori sede’ residenti in Calabria, iscritti, per l’anno accademico 2019/2020, presso atenei ubicati in una provincia diversa da quella di residenza, o comunque presso atenei aventi sede ad oltre 50 chilometri dalla residenza.

Destinatari
Studenti universitari ‘fuori sede’ residenti in Calabria, iscritti, per l’anno accademico 2019/2020, presso atenei ubicati:
- in una provincia diversa da quella in cui lo studente è residente;
- ad oltre 50 chilometri dal Comune in cui lo studente risulta residente, ancorché nella 4 medesima provincia.
I soggetti interessati, alla data di presentazione dell’istanza, devono essere in possesso dei seguenti requisiti:
1. Essere residenti in Calabria da almeno 12 mesi;
2. Risultare regolarmente iscritti, per l’anno accademico 2019/2020, presso una delle Istituzioni universitarie Statali o non Statali legalmente riconosciute (o presso università estere, riconosciute in Italia per il rilascio di titoli equipollenti), ubicate in una provincia diversa da quella di residenza, ovvero ad almeno 50 chilometri dalla propria residenza, ad uno dei seguenti corsi di studio:
a) Corsi di laurea triennali, laurea magistrale/specialistica, laurea magistrale a ciclo unico;
b) Corsi di laurea attivati prima dell’entrata in vigore del D.M. 3 novembre 1999, n.509;
c) Scuola secondaria di secondo grado, di cui alla legge 21 dicembre 1999, n.508;
d) Dottorato di ricerca (purché privo di borsa di studio);
e) Corsi di Scuole di specializzazione universitaria (purché non retribuiti);
f) Master universitari di primo o secondo livello, di durata minima annuale (60 CFU);
3. Aver eletto domicilio, in ragione dell’iscrizione di cui al punto precedente, documentato con regolare contratto di locazione validamente registrato e/o con almeno due utenze a nome dello studente (o di un familiare appartenente al medesimo nucleo familiare):
- in un comune situato in una provincia diversa da quella di residenza;
- in un comune diverso da quello di residenza, anche della medesima Provincia, purché distante oltre 50 chilometri dalla propria residenza;
4. Situazione economica del nucleo familiare, per come risultante dall’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), ai sensi del Regolamento di cui al DPCM 5 Dicembre 2013, che non superi la seguente soglia: ISEE C 30.000.00 euro. Le Attestazioni ISEE dovranno essere in corso di validità e/o quelle presentate al momento dell’iscrizione all’università per l’A.A. 2019/20, con specifico riferimento alle prestazioni per il diritto allo studio universitario e prive di annotazioni relative a omissioni/difformità rilevate dall’Agenzia delle Entrate.
5. Non aver riportato condanna, anche non definitiva, per reati di tipo non colposo e non avere alcun procedimento penale in corso (assenza di carichi pendenti e di procedimenti giudiziari in corso); in caso contrario, è necessario specificare all’interno della dichiarazione la tipologia di carico pendente, lo stato del procedimento giudiziario e l’eventuale misura restrittiva di cui il soggetto è destinatario.

Periodo
Il periodo di eleggibilità delle spese coincide con lo stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili (covid19) di cui alla Delibera del Consiglio dei Ministri del 31/1/2020, dichiarato per 6 mesi dalla data dello stesso provvedimento. Pertanto saranno ritenute ammissibili le spese, come sopra descritte, sostenute tra il 1° febbraio e il 31 luglio 2020.

Entità del contributo
L’importo è stabilito in euro 700,00 euro per gli studenti calabresi che frequentano università situate al di fuori della Regione Calabria, mentre è fissato in euro 500,00 per gli studenti, comunque “fuori” sede, iscritti presso atenei situati nel territorio calabrese.

Risorse disponibili
€ 3.000.000,00

Modalità e termini della presentazione dell’istanza
L’istanza, corredata dalla documentazione di seguito indicata, dovrà essere trasmessa secondo la seguente procedura:
1. accedere alla piattaforma web dedicata, raggiungibile al seguente indirizzo https://sis.welfarecalabria.it/
2. compilare online la richiesta di partecipazione al beneficio a partire dalle ore 9:00 del 28 maggio 2020 ed entro le ore 14:00 del 18 giugno 2020;
3. stampare e sottoscrivere l’istanza di concessione del contributo, contenente l’autocertificazione dei requisiti;
4. caricare l’istanza sottoscritta, in formato file pdf, unitamente a copia di un documento d’identità in corso di validità e corredata della documentazione prevista, a pena di inammissibilità, entro le ore 14:00 del 18 giugno 2020.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.regione.calabria.it/website/portaltemplates/view/view.cfm?17953)Avviso e allegati[Avviso e allegati]0.2 kB

Finalità
Concessione di un contributo a fondo perduto una tantum a sostegno alla liquidità delle microimprese operanti sul territorio della Regione Calabria, che hanno subito gli effetti dell’emergenza COVID-19.

Beneficiari
Possono presentare domanda le Microimprese che abbiano un fatturato compreso tra € 5.000,00 e € 150.000,00, la cui attività economica è stata sospesa ai sensi dei D.P.C.M. 11 marzo 2020 e 22 marzo 2020 che operano nei settori di attività economica ammissibili riportati dall’Avviso e le microimprese artigiane operanti in tutti i settori iscritte nell’apposito Albo (art. 5 della legge 8 agosto 1985, n. 443).

Contributo concedibile
L’aiuto è concesso nella misura di un contributo a fondo perduto una tantum, pari a € 2.000,00 (duemila) per ciascuna impresa richiedente.

Dotazione finanziaria
€ 40.000.000,00 (quaranta milioni).

Valutazione
Le domande saranno finanziate fino ad esaurimento delle risorse disponibili. L’iter valutativo si concluderà a seguito della verifica della ricevibilità, ammissibilità e merito delle istanze ricevute.

Domanda
La richiesta dovrà essere presentata esclusivamente mediante la piattaforma informatica, disponibile sul portale Calabria Europa seguendo le modalità tecniche, le procedure e le tempistiche di seguito indicate:
Fase 1. Il 29 maggio, a partire dalle ore 10,00 e fino alle ore 9,00 del 3 Giugno, si potrà procedere alla registrazione della propria utenza sul portale e alla compilazione di tutte le informazioni richieste per la partecipazione al bando.
Fase 2. Il 3 giugno 2020, a partire dalle ore 10,00 e fino alle ore 18,00 dello stesso giorno sarà possibile inviare le domande precedentemente predisposte ottenendo una ricevuta di ricezione che conterrà l'ordine cronologico di arrivo.
Fase 3. Dal 4 Giugno 2020, a partire dalle ore 10,00 e fino alle ore 12,00 del 8 Giugno 2020 per le domande correttamente inoltrate, dovranno essere caricati sulla piattaforma informatica i documenti previsti.

Allegati:
Accedi a questo URL (http://calabriaeuropa.regione.calabria.it/website/bando/396/index.html)Avviso e allegati[Avviso e allegati]0 kB

Finalità
Sostenere interventi da attivare nel 2021 capaci di mettere al centro l’attività sportiva come strumento di inclusione, partecipazione e integrazione tra persone che vivono in uno stesso, circoscritto, territorio (quartiere, rione, borgo, paese) del Sud Italia.
Il Bando promuove una idea di sport inclusivo, aperto a tutti, senza limiti di età o di appartenenza, ma capace di incidere positivamente sulla coesione sociale di una comunità territoriale.

Destinatari
Organizzazioni del terzo settore di Calabria, Campania, Basilicata, Puglia, Sardegna e Sicilia.
In particolare i destinatari sono le organizzazioni senza scopo di lucro nella forma di:
- associazione (riconosciuta o non riconosciuta);
- cooperativa sociale o loro consorzi;
- ente ecclesiastico;
- fondazione;
- impresa sociale (nelle diverse forme previste dal D. Lgs. n. 112/2017).

Altri soggetti della partnership
Le partnership di progetto dovranno essere composte da un minimo di tre organizzazioni: almeno due non profit, a cui potranno aggiungersi realtà del mondo economico, delle istituzioni, dell’università, della ricerca. E’ auspicabile, inoltre, il coinvolgimento di organizzazioni sportive.
Gli altri soggetti della partnership potranno appartenere, oltre che al mondo del terzo settore, anche a quello delle istituzioni, dell’università, della ricerca e al mondo economico. La partecipazione di soggetti profit in qualità di soggetti della partnership, dovrà essere ispirata non alla ricerca del profitto, ma all’apporto di competenze e risorse finalizzate alla crescita e allo sviluppo del territorio e della società locale.

Ambiti di intervento
- sviluppare un’offerta sportiva multidisciplinare, integrata ed inclusiva che aspiri a coinvolgere le persone che vivono il territorio di intervento;
- rafforzare pratiche sociali di prossimità e di innovazione sociale “dal basso”, partendo dalle esigenze e dai bisogni dei cittadini per realizzare interventi collettivi di interesse comune;
- rigenerare luoghi e territori in un’ottica di condivisione e cura del bene comune, per avvicinare gli abitanti allo sport e riportarli a vivere attivamente gli spazi pubblici del proprio territorio, offrendo anche opportunità di crescita e occupazione;
- diffondere, attraverso lo sport, valori educativi e culturali (lealtà, rispetto reciproco e delle regole, non violenza, amicizia, impegno, valorizzazione delle differenze, confronto e relazione, tolleranza, ecc.);
- promuovere la salute e il benessere psicofisico attraverso stili di vita sani e attivi;
- favorire relazioni basate sulla gratuità e sul dono, in un’ottica di condivisione di competenze, professionalità e tempo libero.

Contributo
Il contributo massimo a fondo perduto è di € 300.000. Le proposte devono prevedere una quota di co-finanziamento, costituita interamente da risorse finanziarie, pari ad almeno il 20% del costo complessivo del progetto.

Disponibilità finanziarie
2,3 milioni di euro

Modalità di svolgimento del Bando
Il Bando si articola in due distinte fasi:
1) una prima fase finalizzata alla selezione delle proposte con maggiore impatto sul territorio di intervento; 2) una successiva seconda fase di progettazione esecutiva, volta a ridefinire eventuali criticità rilevate nella fase di valutazione.

Termini e modalità di presentazione
Le proposte di progetto, corredate di tutta la documentazione richiesta, devono essere compilate e inviate esclusivamente on line, entro la data di scadenza e, non oltre, le ore 13:00 del 17 luglio 2020 attraverso il portale Chàiros messo a disposizione dalla Fondazione

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.fondazioneconilsud.it/bando/bando-sport-limportante-e-partecipare/)Avviso e allegati[Avviso e allegati]0.3 kB
f t g

Nicola Irto - Sito ufficiale

Vicepresidente Consiglio regionale della Calabria

via Cardinale Portanova
89100 Reggio Calabria
e-mail: segreteria.nicolairto@gmail.com
tel. 0965.880992

 

 

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere direttamente sulla tua e-mail news e bandi