Al via i bandi di finanziamento per impianti sportivi. Si chiamano "Sport Missione Comune 2021" e "Comuni in Pista 2021", dedicati agli Enti Territoriali, ai quali si aggiunge "Sport Verde Comune 2021", la misura dedicata agli interventi di efficientamento energetico.

SPORT MISSIONE COMUNE 2021
Finalità
Il bando Sport Missione Comune 2021 finanzia progetti di costruzione, ampliamento, attrezzatura, miglioramento, completamento e messa a norma di impianti sportivi e/o strumentali all’attività sportiva, anche a servizio delle scuole, ivi compresa l'acquisizione delle aree e degli immobili a tal fine necessari e comunque di quelli aventi destinazione di impiantistica sportiva.
costruzione, ampliamento, attrezzatura, efficientamento energetico, miglioramento, completamento e messa a norma di impianti sportivi e/o strumentali all’attività sportiva, anche a servizio delle scuole, ivi compresa l'acquisizione delle aree e degli immobili a tal fine necessari e comunque di quelli aventi destinazione di impiantistica sportiva.
Sono considerati prioritari gli interventi di abbattimento barriere architettoniche, efficientamento energetico, adeguamento alla normativa antisismica, riqualificazione di impianti sportivi che siano anche beni culturali o vincolati dalla Soprintendenza, ammessi al bando Sport e periferie, relativi a impianti sportivi facenti parte di un plesso scolastico.
L’iniziativa prevede l’erogazione di contributi in conto interessi sui mutui per gli interventi relativi ad impianti sportivi pubblici.

Soggetti ammessi
Possono richiedere la concessione dei contributi i Comuni, le Unioni di Comuni, i Comuni in forma associata, le Città Metropolitane, le Province e le Regioni.

Spese ammissibili
- Lavori, opere civili ed impiantistiche;
- Spese tecniche per la realizzazione dell’intervento (spese di progettazione, direzione lavori, collaudi, diagnosi e certificazione energetica, ecc.);
- Spese strettamente correlate alla realizzazione del progetto sportivo (materiali e relativa mano d’opera, ivi compresi i componenti e le strutture già realizzate in fabbrica);
- Spese per l’acquisto di attrezzature sportive, purché di stretta pertinenza dell’impianto sportivo;
- Spese per l’acquisto delle aree sulle quali dovranno essere realizzati gli impianti sportivi, a condizione che la realizzazione dell’impianto sportivo faccia parte del progetto o del lotto funzionale ammesso a contributo;
- Spese per l’acquisto di immobili da destinare ad attività sportive;
- Spese per il rilascio dei pareri iniziale e finale del CONI relativi al progetto o al lotto funzionale presentato;
- I.V.A.

Risorse disponibili
L’ammontare complessivo disponibile delle risorse da impiegare ammonta a 25 milioni di euro di contributi in conto interessi.

Entità del contributo
L’importo massimo di mutuo agevolabile per ciascuna istanza e complessivo è:
- 2 milioni di euro per i piccoli Comuni (fino a 5.000 abitanti);
- 4 milioni di euro per i Comuni medi (da 5.001 a 100.000,00 abitanti non capoluogo) le Unioni dei Comuni e i Comuni in forma associata;
- 6 milioni di euro per i Comuni capoluogo, i Comuni oltre i 100.000,00 abitanti non capoluogo, le Città Metropolitane, le Province e le Regioni.

Termini e modalità di presentazione
Le istanze dovranno essere presentate, previa registrazione del Soggetto richiedente, tramite portale dedicato accessibile dal sito www.creditosportivo.it entro il 05/12/2021.
La procedura di esame e di ammissione preliminare delle istanze ai contributi in conto interessi è a sportello ossia sarà effettuata rispettando l’ordine di arrivo delle istanze inviate.

COMUNI IN PISTA 2021
Finalità
L’istituto per il Credito Sportivo per l’anno 2021 mette a disposizione degli Enti locali contributi in conto interessi sui mutui per interventi relativi a “piste ciclabili”.
Sono ammessi a contributo gli interventi relativi alla costruzione, ampliamento, attrezzatura, miglioramento, ristrutturazione, efficientamento energetico, completamento, messa a norma e in sicurezza di piste ciclabili.
In particolare le tipologie di piste ciclabili ammesse a contributo sono le piste ciclabili in sede propria, le piste ciclabili su corsia riservata e i percorsi promiscui pedonali e ciclabili.
Sono ammissibili a contributo i sentieri ciclabili nei parchi, lungo il mare o i laghi, lungo i fiumi o in ambiti rurali. Sono altresì ammissibili a contributo i ciclodromi, strutture soggette a omologazione da parte della Federazione Ciclistica Italiana

Soggetti ammessi
Possono richiedere la concessione dei contributi i Comuni, le Unioni di Comuni, i Comuni in forma associata, le Città Metropolitane, le Province e le Regioni.

Spese ammissibili
- Lavori, opere civili ed impiantistiche;
- Spese tecniche per la realizzazione dell’intervento (spese di progettazione, direzione lavori, collaudi, diagnosi e certificazione energetica, ecc.);
- Spese strettamente correlate alla realizzazione del progetto (materiali e relativa mano d’opera, ivi compresi i componenti e le strutture già realizzate in fabbrica);
- Spese per l’acquisto di attrezzature sportive, anche riferite ad altri sport, purché connesse alla “pista ciclabile” es. area sportiva attrezzata per sport all’aria aperta limitrofa alla “pista ciclabile”;
- Spese per l’acquisto delle aree, compresi eventuali oneri per l’esproprio, sulle quali dovranno essere realizzate le “piste ciclabili”, a condizione che la realizzazione della “pista ciclabile” faccia parte del progetto o del lotto funzionale ammesso a contributo;
- Spese per l’acquisto di immobili da destinare a servizio della “pista ciclabile”;
- Spese per il rilascio dei pareri del CONI relativi al progetto o al lotto funzionale presentato;
- I.V.A.

Risorse disponibili
Le risorse disponibili ammontano complessivamente a 4 milioni di euro contributi in conto interessi.

Entità del contributo
Le agevolazioni saranno concesse con i seguenti limiti:
a) per gli interventi dei piccoli Comuni (fino a 5.000 abitanti) ciascun Comune potrà presentare una o più istanze nel limite massimo agevolabile per ciascuna istanza e complessivo di € 2 milioni di mutui;
b) per gli interventi realizzati dai Comuni medi (da 5.001 a 100.000,00 abitanti non capoluogo) dalle Unioni dei Comuni e dai Comuni in forma associata, ciascun ente potrà presentare una o più istanze nel limite massimo agevolabile per ciascuna istanza e complessivo di € 4 milioni di mutui;
c) per gli interventi realizzati dai Comuni capoluogo, Comuni oltre i 100.000,00 abitanti non capoluogo, Città Metropolitane, Province e Regioni, ciascun ente potrà presentare una o più istanze nel limite massimo agevolabile per ciascuna istanza e complessivo di € 6 milioni di mutui.

Termini e modalità di presentazione
Le istanze dovranno essere presentate, previa registrazione del Soggetto richiedente, tramite portale dedicato accessibile dal sito www.creditosportivo.it entro il 05/12/2021.
La procedura di esame e di ammissione preliminare delle istanze ai contributi in conto interessi è a sportello ossia sarà effettuata rispettando l’ordine di arrivo delle istanze inviate.

SPORT VERDE COMUNE 2021
E’ il nuovo prodotto che consente a Enti Locali e Regioni di richiedere finanziamenti per investimenti nell’efficienza energetica di impianti sportivi già esistenti, risparmio energetico certificato, produzione di energia termica, interventi che prevedano utilizzo delle fonti rinnovabili, realizzazione di manti in erba sintetica a intaso vegetale al 100% e produzione di energia attraverso sistemi ecocompatibili.
Per accedere al finanziamento è necessaria la certificazione da parte di un soggetto riconosciuto da ACCREDIA del risparmio energetico effettivamente conseguito.
Il prodotto è un mutuo a tasso fisso fino all’importo di € 500.000 con durata massima dell’ammortamento a 20 anni e prevede il totale abbattimento degli interessi e il totale azzeramento delle spese di istruttoria.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.creditosportivo.it/i-nostri-bandi-2021/?tab=tab-1)Avvisi e allegati[Avvisi e allegati]0.2 kB

Finalità
Realizzazione di progetti nel settore apistico finalizzati al sostegno di produzioni e allevamenti di particolare rilievo ambientale, economico, sociale e occupazionale.

Destinatari
Ai fini della erogazione dei contributi possono presentare domanda
a) Gli istituti di ricerca pubblici, università, organismi di diritto pubblico e soggetti a prevalente partecipazione pubblica
b) Associazioni, fondazioni, consorzi, società, anche in forma cooperativa di imprese individuali
c) Un’aggregazione, nelle forme consentite nella vigente normativa, anche temporanea, di due o più soggetti individuati alla lettera A e alla lettera B

Interventi finanziati
Interventi straordinari incentrati su progetti di ricerca e sperimentazione finalizzati ad individuare, tra l’altro, concrete soluzioni tecniche per il miglioramento e l’adattamento dell’apicoltura ai cambiamenti climatici e per il monitoraggio ambientale; ricerche volte a consentire la composizione di prodotti assicurativi che possano essere utilizzati dagli apicoltori per superare le ricorrenti crisi produttive dovute a eventi climatici estremi, agli aggressori dell’alveare o ad altre circostanze avverse e infine a sostenere dei progetti straordinari di promozione istituzionale finalizzati alla valorizzazione del miele mediante la divulgazione delle sue caratteristiche nutrizionali ed organolettiche ed al legame con i diversi territori di provenienza.

Tipologia di interventi ammissibili
I progetti riguardano:
1.Progetti straordinari di rilievo nazionale di ricerca e sperimentazione strettamente finalizzati al sostegno e al miglioramento della produzione. La dotazione finanziaria a disposizione è di complessivi 1.050.000.00 euro con un massimale di 150.000,00 euro per progetto
2.Progetti sperimentali di rilievo nazionale finalizzati alla composizione di prodotti assicurativi per la gestione sostenibile del rischio del settore apistico. La dotazione finanziaria a disposizione è di complessivi 350.000,00 euro per un solo progetto vincitore.
3.Progetti straordinari di rilievo nazionale di promozione istituzionale finalizzata alla valorizzazione del miele come alimento naturale. La dotazione finanziaria disponibile è di complessivi 600.000,00 euro con massimale di 200.000,00 euro per progetto.

Dotazione finanziaria
2 milioni di euro. Il finanziamento concesso ai singoli progetti andrà a coprire il 100% delle spese ammissibili

Termini presentazione domande
30 Aprile 2021

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/16779)Avviso e allegati[Avviso e allegati]0 kB

Finalità
In questo anno di pandemia il volontariato ha avuto e continua ad avere un ruolo centrale di sostegno e aiuto alle comunità locali, affiancandosi in maniera efficace e spesso fondamentale al settore pubblico, soprattutto in ambito sociosanitario.
Il sostegno andrà direttamente alle organizzazioni di volontariato per lo svolgimento di attività ordinarie, nelle province meridionali che hanno ricevuto meno risorse dalla Fondazione nel periodo 2007-2020: Cosenza e Vibo Valentia in Calabria, Barletta-Andria-Trani in Puglia, Sassari in Sardegna, Ragusa e Trapani in Sicilia.

Destinatari
Possono presentare una richiesta di sostegno ai sensi del presente bando singole organizzazioni di volontariato, costituite da almeno due anni, iscritte ai relativi registri regionali e/o provinciali delle organizzazioni di volontariato ai sensi delle norme applicative della legge 266/91. (Per la Calabria, province di Vibo e Cosenza)

Budget complessivo
3.5 milioni di euro.

Entità del contributo
€ 10.000 per i soggetti con una media delle entrate degli ultimi 5 anni (2015-2019) fino ad un massimo di € 10.000;
€ 20.000 per i soggetti con una media delle entrate degli ultimi 5 anni (2015-2019) maggiore di € 10.000 e fino ad un massimo di € 30.000;
€ 30.000 per i soggetti con una media delle entrate degli ultimi 5 anni (2015-2019) maggiore di € 30.000.

Modalità e termini di partecipazione
Le richieste di sostegno, corredate di tutta la documentazione richiesta, devono essere compilate e inviate esclusivamente online, entro la data di scadenza e, non oltre, le ore 13:00 del 28 maggio 2021 attraverso il portale Chàiros messo a disposizione dalla Fondazione.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.fondazioneconilsud.it/bando/bando-volontariato-2021/)Avviso e allegati[Avviso e allegati]0.3 kB

Finalità
StudioSì è un fondo del PON Ricerca e Innovazione 2014- 2020, cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo (FSE) e gestito dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI), che sostiene la partecipazione a percorsi di istruzione terziaria (lauree magistrali e a ciclo unico, master e scuole di specializzazione) coerenti con la Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente, declinata in Aree tematiche.

Destinatari
Studenti residenti nelle 8 regioni del Mezzogiorno che frequentano o sono pre-iscritti/ammessi a percorsi d’istruzione terziaria in Italia o all’estero.
Studenti non residenti nelle regioni del Mezzogiorno che frequentano o sono pre-iscritti/ammessi a percorsi d’istruzione terziaria in atenei del Mezzogiorno (fino al 25% delle risorse)

Percorsi ammessi
Percorsi d’istruzione terziaria post-triennali: lauree a ciclo unico, lauree magistrali, master universitari di primo e secondo livello, scuole di specializzazione (senza borse di studio/retribuzioni) riconosciute dal MUR.

Aree
Le 12 Aree definite dalla Strategia Nazionale di Specializzazione intelligente (SNSI):
- Aerospazio
- Agrifood
- Blue Growth
- Chimica verde
- Design, creatività e made in Italy
- Energia
- Fabbrica intelligente
- Mobilità sostenibile
- Salute
- Comunità intelligenti, sicure e inclusive
- Tecnologie per gli ambienti di vita
- Tecnologie per il patrimonio culturale.

Finanziamenti
Finanziamenti fino a un massimo di 50.000 euro a tasso zero e senza garanzie personali o di terzi garanti.
Il finanziamento può coprire, oltre le tasse universitarie, anche le spese vive connesse allo studio.

Caratteristiche del finanziamento
- senza garanzie e senza interessi
- 20 anni (durata massima per la restituzione)
- periodo di sospensione (preammortamento) fino a trenta mesi
- titolo di studio da conseguire entro il 31 dicembre 2025

Fondo
93 milioni di euro

Presentazione domanda di finanziamento
Gli studenti in possesso dei requisiti possono presentare la domanda di finanziamento - sulla base delle loro necessità - a un unico operatore finanziario: Intesa San Paolo o Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.studiosiponricerca-mur.it/)Link piattaforma MIUR[Link piattaforma MIUR]0.1 kB

Finalità
Erogazione di un contributo a fondo perduto – una tantum – per sostenere le micro e piccole imprese operanti sul territorio comunale, attraverso un sostegno alla liquidità, a titolo di mitigazione degli effetti prodotti dall’emergenza sanitaria da COVID19 sulle rispettive attività economiche.

Destinatari dell’indennità e requisiti di ammissibilità
Possono presentare istanza per ottenere l’indennità una tantum di cui al presente Avviso le piccole e microimprese, ivi comprese le microimprese artigiane di cui alla legge n. 443 del 1985, aventi cumulativamente, alla data di presentazione dell’istanza, i seguenti requisiti di ammissibilità:
1. avere la sede legale e operativa nel territorio del Comune di Reggio Calabria;
2. essere iscritte al Registro delle Imprese tenuto dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (CCIAA) di Reggio Calabria, sezione ordinaria o speciale;
3. essere un'impresa attiva ed operativa;
4. avere un codice Ateco prevalente tra quelli indicati all’Allegato 2 al presente Avviso (riportato al Registro delle Imprese);
5. di avere subito un danno economico derivante dalle restrizioni dovute alla crisi sanitaria in corso e, in particolare cumulativamente:
- di aver registrato, nel corso dell’anno solare 2019, un fatturato compreso tra € 5.000 (cinquemila/00) e € 150.000,00 (centocinquantamila/00), esclusi aggi ed accise;
- di aver subito, relativamente al periodo di Marzo-Dicembre 2020, un calo del fatturato medio mensile pari o superiore al 30% del fatturato medio mensile dell’esercizio 2019;
6. ovvero, solo per le imprese di recente costituzione (ovvero costituite dal 01.01.2020 al 31.03.2020), che non possono attestare il calo di fatturato rispetto all’annualità 2019, di essere stata destinataria dei provvedimenti espressi di chiusura dell’attività ai sensi dei DPCM dell’11 marzo, del 4 novembre 2020 e del Decreto Legge n.172 del 18.12.2020, nonché delle varie ordinanze sindacali e regionali emanate e vigenti pro-tempore sul territorio, da dimostrarsi attraverso il Codice Ateco;
7. essere in regola con il versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali

Entità del contributo
L’importo dell’“indennità una tantum”, per ciascuna impresa destinataria, è pari ed euro € 1.000,00 (mille/00 euro).

Dotazione finanziaria
La dotazione finanziaria disponibile per le operazioni selezionate con il presente Avviso è pari complessivamente ad € 3.167.000,00 (tremilionicentosessantasettemila/00).

Istanza di partecipazione e modalità di presentazione
L’istanza, dovrà essere presentata esclusivamente, attraverso la piattaforma informatica dedicata disponibile al link: http://sai.reggiocal.it, utilizzando il modello allegato (Allegato 1)

Termini di presentazione delle istanze
Le istanze potranno essere presentate a decorrere dalle ore 10.00 di giorno 20.04.2021 e fino alle ore 18.00 di giorno 07.05.2021.

Allegati:
Accedi a questo URL (http://www.reggiocal.it/on-line/Home/PrimoPiano/articolo111124.html)Avviso e allegati[Avviso e allegati]0 kB
f t g

Nicola Irto - Sito ufficiale

e-mail: segreteria.nicolairto@gmail.com

tel. 0965.880992

Privacy Policy

 

 

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere direttamente sulla tua e-mail news e bandi