Finalità
Nell’Anno europeo dei giovani, il Dipartimento per le politiche giovanili e il Servizio civile universale, in collaborazione con la Struttura di missione per la valorizzazione degli anniversari nazionali e della dimensione partecipativa delle nuove generazioni, intende promuovere azioni tese ad ampliare significativamente l’offerta di spazi di aggregazione destinati alla ripresa della socialità di ragazze e ragazzi rientranti nel target di popolazione con età 14-35 anni.
Per raggiungere tale obiettivo strategico, si vuole favorire l’utilizzo, da parte delle giovani generazioni, degli spazi disponibili all’interno delle biblioteche pubbliche, attraverso il finanziamento di proposte progettuali volte alla realizzazione di luoghi polivalenti e innovativi, aperti con orari estesi che ne consentano un’ampia fruibilità, nei quali i giovani possano condividere idee, percorsi e occasioni formative, culturali, ricreative, di incontro e confronto.

SOGGETTI AMMISSIBILI
Il bando è rivolto a enti locali, università pubbliche e altri enti pubblici titolari di biblioteche, con cui stipulare apposite convenzioni volte alla realizzazione di progetti finalizzati alla creazione di spazi di aggregazione giovanile.
Gli enti devono prevedere il coinvolgimento, attraverso la costituzione di partenariati, di altri soggetti pubblici o, nel rispetto della normativa vigente, di soggetti del privato sociale, quali associazioni, fondazioni o altre organizzazioni giovanili, senza fini di lucro.

CARATTERISTICHE DEI PROGETTI
I progetti dovranno prevedere la creazione, all’interno di biblioteche pubbliche, funzionanti e operative, dislocate su tutto il territorio nazionale e, in particolare, nelle località periferiche e in quelle caratterizzate da situazioni di evidente disagio economico-sociale, di idonei spazi di aggregazione giovanile − ad accesso libero e gratuito − che, oltre a favorire la partecipazione delle giovani generazioni ad attività culturali e ricreative, anche attraverso l’accesso al patrimonio librario, offrano loro percorsi di crescita, promuovendone una migliore qualità della vita e valori come l’inclusione sociale e la partecipazione, quali strumenti per superare l’emergere e il cristallizzarsi di difficoltà relazionali, acuiti dalla situazione pandemica.
Tali spazi potranno essere anche un luogo in cui sensibilizzare i giovani sul contrasto a fenomeni quali bullismo in rete, razzismo, discorsi d’odio anche al fine di prevenire i fenomeni di violenza e microcriminalità organizzata in bande tra giovani e giovanissimi e promuovere presso le nuove generazioni i valori e il significato profondo dell’avere memoria di personaggi esemplari ed eventi storici.
A titolo esemplificativo, potranno essere proposti laboratori artistici, teatrali, musicali, audiovisivi e multimediali, corsi di formazione alla cittadinanza attiva, alla partecipazione democratica e alla legalità o anche professionali, spazi di coworking, strumenti di gamification per veicolare messaggi positivi e supportare i giovani nel processo di crescita personale. Tali attività potranno prevedere il coinvolgimento di animatori socioeducativi giovanili (Youth Worker), con il compito di affiancare i giovani.

RISORSE ED ENTITÀ DEI CONTRIBUTI
La dotazione finanziaria complessiva è pari a 12 milioni di euro.
Il contributo deve essere compreso tra 100.000 e 150.000 euro e non può superare l’80% dell’importo complessivo della proposta progettuale.

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE
Le proposte devono essere presentate mediante la piattaforma informatica entro le ore 12.00 del giorno 31 ottobre 2022.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://avvisi-pcm.dunp.it/)Portale presentazione istanze[Portale presentazione istanze]0.1 kB
Accedi a questo URL (https://www.politichegiovanili.gov.it/politiche-giovanili/avvisi-pubblici-e-progetti-di-politiche-giovanili/avviso-giovani-in-biblioteca/)Avviso e allegati[Avviso e allegati]0.2 kB

Finalità
I contributi per il rilancio del turismo montano sono aiuti economici a fondo perduto a copertura del 100% delle spese ritenute ammissibili, messi a disposizione dal Ministero e rivolti ad imprese e attività che operano nel comparto turistico della montagna. Si tratta di agevolazioni che puntano a sostenere e finanziare progetti per la valorizzazione turistica del patrimonio delle montagne e per il potenziamento delle infrastrutture esistenti.

Destinatari
Possono presentare le candidature per il finanziamento dei progetti per la montagna i soggetti privati profit o non profit, in forma singola o aggregata, con preferenza e premialità per la forma aggregata. A titolo esemplificativo, è favorita la partecipazione di:
• raggruppamenti di imprese;
• consorzi locali di promozione turistica;
• organizzazioni di management delle destinazione turistica comunque denominate purché di diritto privato (DMO o DMC);
• reti di impresa turistiche e connesse, esistenti o da creare appositamente.

Progetti finanziabili
I progetti presentati dovranno essere finalizzati a:
• qualificare e potenziare la dotazione e la proposta di servizi esistente ed eventualmente le infrastrutture funzionali agli stessi servizi; implementare, anche mediante la promozione di esperienze associative o federative, forme di turismo funzionali alla conservazione ed alla cura dell’ambiente;
• favorire la promozione dei prodotti tipici;
• promuovere il turismo esperienziale (es. turismo enogastronomico, naturalistico, religioso, sportivo, culturale, ecc.);
• implementare il ricorso all’innovazione ed alle nuove tecnologie facendo leva sul Tourism Digital Hub (TDH), sull’interoperabilità e sulla trasformazione digitale;
• sfruttare il TDH per amplificare la notiziabilità e la diffusione delle iniziative attraverso il digitale, incluse quelle di marketing e di partenariato sul territorio.
Sarà data priorità a quei progetti in grado di:
• creare prodotti nuovi rispetto a quelli tradizionali, con particolare riferimento alle proposte turistiche a forte contenuto di esperienza vera, unica ed irripetibile (ad esempio: partecipazione ad eventi e produzioni tradizionali, apprendimento di tecniche ed usanze locali, vita di comunità, raccolta e trasformazione di prodotti agricoli, pratica di sport o attività rare, ecc.);
• attivare stagioni diverse da quelle canoniche della montagna, con specifico riferimento alle diverse realtà locali (ad esempio: neve: dicembre-Pasqua; estate: giugno-agosto);
stimolare ed attrarre mercati diversi da quello di prossimità con specifico riferimento alle diverse realtà locali (ad esempio: raggio di 200 km), con particolare attenzione ai mercati esteri;
• replicare le best practices a livello internazionale;
• favorire la costituzione di reti anche di livello interregionale;
• garantire un’integrazione sinergica tra diverse tipologie di interventi ammissibili;
• migliorare le condizioni di accessibilità per le persone portatrici di bisogni speciali anche mediante gli opportuni servizi e la creazione di prodotti o pacchetti turistici ad hoc;
• favorire la transizione ad un turismo green e digitale, in linea con le previsioni del piano “Transition Pathway for Tourism” presentato dalla Commissione europea.

Entità del contributo
I contributi per il rilancio del turismo montano ammontano a un massimo di 2 milioni di euro per ogni progetto finanziabile, a copertura massima del 100% delle spese ammissibili per la realizzazione degli interventi.

Dotazione finanziaria
26.700.000 euro. La quota dell’80% delle risorse disponibili, e cioè euro 21.360.000,00 è destinata alle otto regioni del Mezzogiorno.

Presentazione domanda di finanziamento
La domanda di finanziamento deve essere compilata tramite la Piattaforma informatica messa a disposizione dal Ministero

Termine presentazione istanze
30 settembre 2022

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.ministeroturismo.gov.it/avviso-pubblico-per-la-manifestazione-di-interesse-alla-presentazione-di-proposte-di-intervento-per-il-rilancio-del-turismo-montano-italiano-attraverso-adeguamenti-infrastrutturali-pianificazione-e/)Avviso e allegati[Avviso e allegati]0.1 kB
Accedi a questo URL (https://servizi.ministeroturismo.gov.it/static/disco.html?entityID=https%3A%2F%2Fservizi.ministeroturismo.gov.it%2FspidSaml2%2Fmetadata&return=https%3A%2F%2Fservizi.ministeroturismo.gov.it%2FspidSaml2%2Fdisco)Portale presentazione istanze[Portale presentazione istanze]0 kB

Finalità
Valorizzare e migliorare la fruizione del patrimonio culturale regionale, sostenendo la promozione, la qualificazione e la realizzazione di eventi culturali in grado di mobilitare significativi flussi turistici e che pongono in risalto il legame tra cultura, storia, arte, costume, tradizione, natura e sostenibilità ambientale.

Beneficiari
Possono presentare domanda soggetti pubblici e privati in forma singola o associata.
a) Enti pubblici per come definiti all’art. 1, comma 2, del D. Lgs. 30 marzo 2001 n. 165;
b) Fondazioni e Associazioni;
c) Imprese e loro consorzi;
d) Società cooperative.

Caratteristiche degli eventi
Il progetto deve riguardare un evento che si sia realizzato per almeno otto annualità negli ultimi 15 anni e deve possedere, i seguenti requisiti oggettivi riferibili alle precedenti edizioni prese in esame:
a) si siano realizzati all’interno di beni culturali e ambientali quali: aree archeologiche, aree museali, edifici storici e di pregio, centri storici, aree e parchi naturali, anfiteatri, luoghi e località di maggiore attrattività turistica che hanno i requisiti necessari per la realizzazione di eventi;
b) comprovata presenza di artisti di caratura nazionale e/o internazionale;
c) abbiano sostenuto, per la realizzazione dell’evento, un costo medio documentato non inferiore a Euro 100.000,00 desumibile da tre edizioni, negli ultimi 8 anni, non consecutive.

Contributo concedibile
Il contributo concedibile è pari al 70% delle spese ammissibili e per un importo massimo di euro 100.000,00.

Dotazione finanziaria
La dotazione finanziaria disponibile è pari a € 1.400.000

Domanda
Le domande, compilate secondo il modulo di domanda disponibile sui siti www.calabriaeuropa.regione.calabria.it e www.regione.calabria.it, devono essere inviate entro e non oltre il 03 Ottobre 2022 esclusivamente a mezzo PEC, al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Nell’oggetto della PEC dovrà essere indicata la seguente dicitura: “Avviso pubblico Eventi di promozione culturale”.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://calabriaeuropa.regione.calabria.it/bando/avviso-pubblico-eventi-di-promozione-culturale-2022)Avviso e allegati[Avviso e allegati]0 kB

L’Agenzia delle dogane e dei monopoli (ADM) ha indetto due bandi di concorso rivolti a diplomati e laureati per un totale di 980 posti di lavoro per vari profili professionali.

Posti a concorso
In particolare i 980 posti di lavoro sono suddivisi tra i seguenti profili professionali:
- 640 UNITÀ DI PERSONALE DI SECONDA AREA, FASCIA RETRIBUTIVA F3 (DIPLOMATI) così ripartite:
n. 256 assistenti amministrativi, (codice concorso: ADM/AMM);
n. 4 assistenti amministrativi (codice concorso: ADM/AMM – Lampedusa);
n. 120 ragionieri (codice concorso: ADM/RAG);
n. 100 periti informatici, (codice concorso: ADM/PINF);
n. 90 periti industriali, (codice concorso: ADM/PI);
n. 30 geometri (codice concorso: ADM/GEO);
n. 40 periti chimici (codice concorso: ADM/PC).
- 340 UNITÀ DI PERSONALE DI TERZA AREA, FASCIA RETRIBUTIVA F1 (LAUREATI) così suddivise:
n. 150 funzionari amministrativi, (codice concorso: ADM/FAMM);
n. 4 collaboratori per le relazioni internazionali (codice concorso: ADM/FRI),
n. 50 legali (codice concorso: ADM/LEG);
n. 40 analisti economici finanziari (codice concorso: ADM/AEF);
n. 32 informatici (codice concorso: ADM/ INF);
n. 20 ingegneri (codice concorso: ADM/ING);
n. 20 ingegneri – architetti (codice concorso: ADM/ING-ARC);
n. 20 chimici (codice concorso: ADM/CH);
n. 4 biologi (codice concorso: ADM/BIO).

SEDI DI LAVORO
Le sedi di lavoro sono situate presso Regioni, Comuni e Strutture centrali presenti sul territorio nazionale: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta e Veneto.

SELEZIONE
La procedura di selezione consiste nelle seguenti prove:
• eventuale prova preselettiva;
• una prova scritta;
• una prova orale.

DOMANDE DI AMMISSIONE
Le domande di partecipazione dovranno essere redatte esclusivamente in forma telematica, sulla piattaforma Concorsi Smart accessibile attraverso il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID). Il termine entro il quale presentare le istanze è il 29 settembre 2022 alle ore 18.00.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.adm.gov.it/portale/concorsi-pubblici-in-svolgimento)Bandi di concorso[Bandi di concorso]0 kB
Accedi a questo URL (https://adm.concorsismart.it/ui/public-area/intro-card)Portale presentazione istanze[Portale presentazione istanze]0.1 kB

L’Agenzia delle Entrate ha indetto il concorso per reclutare 900 assistenti tecnici. La selezione si rivolge a diplomati, geometri e periti, e prevede l’assunzione delle risorse a tempo indeterminato presso gli uffici di tutto il territorio nazionale.

TITOLO DI STUDIO
Potranno presentare la domanda di ammissione al concorso i candidati in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:
– diploma di istruzione secondaria superiore di geometra conseguito presso un Istituto tecnico per geometri statale, paritario o legalmente riconosciuto;
– diploma di istruzione secondaria superiore di Perito Industriale indirizzo Edile;
– diploma di maturità tecnica di Perito Industriale, ai sensi dell’articolo 1 della legge 2 febbraio 1990, n. 17, conseguito presso un istituto statale, paritario o legalmente riconosciuto;
– diploma di istruzione secondaria superiore afferente al settore “Tecnologico”, indirizzo “Costruzioni, ambiente e territorio”, secondo le confluenze di cui all’Allegato D del D.P.R. 15 marzo 2010, n. 88;

SEDI DI LAVORO
I 900 assistenti tecnici – geometri e periti saranno assegnati negli uffici e sedi Agenzia delle Entrate collocate nelle regioni di tutta Italia.

PROCEDURA SELETTIVA
I candidati al concorso 2022 dell’Agenzia delle Entrate per assistenti tecnici diplomati saranno sottoposti a una selezione che prevede due prove d’esame:
o prova oggettiva tecnico-professionale (consiste in una serie di quesiti a risposta multipla) ;
o prova orale.

DOMANDA DI AMMISSIONE
I candidati dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente per via telematica, entro il 23 settembre 2022, utilizzando l’applicazione informatica accessibile da questa pagina.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://900asstec.it/)Domanda[Domanda]0 kB
Accedi a questo URL (https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/web/guest/selezione-pubblica-per-assunzione-900)Bando di concorso[Bando di concorso]0 kB
f t g

Nicola Irto - Sito ufficiale

via Cardinale Portanova

89123 Reggio Calabria

tel. 0965.880992

cell. 346.3694269

e-mail: segreteria.nicolairto@gmail.com

Privacy Policy

   

 

 

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere direttamente sulla tua e-mail news e bandi