«L’esponente del Pd e presidente uscente del Consiglio regionale fa il punto dopo l’incontro con la Santelli: 1Avremo tempo e modo per scontrarsi, ma ora serve unità»

«È uno dei momenti più difcili della nostra storia e per questo dobbiamo lavorare insieme, ognuno con le proprie responsabilità e prerogative, per aiutare la Calabria a superarlo». Lo afferma il consigliere regionale del Pd, Nicola Irto, presidente uscente dell’Assemblea legislativa calabrese, in un post su facebook. Irto scrive: «Ho riconvocato il Consiglio regionale per il 18 e il 19 marzo, dopo la seduta saltata nei giorni scorsi. Finalmente entrerà nel pieno delle sue funzioni. È necessario. Soprattutto in questo momento così delicato». Il presidente uscente del Consiglio regionale ricorda poi che «su richiesta della presidente della Regione Jole Santelli, ho partecipato all’incontro tenutosi alla Cittadella di Germaneto per confrontarci sull’emergenza coronavirus. La ringrazio della sensibilità istituzionale dimostrata in questa fase, rinnovandole la disponibilità ad affrontare insieme e con spirito di responsabilità questa situazione. Personalmente – spiega Irto – ho proposto quelle che a mio avviso sono assolute necessità e priorità del momento. Le ho chiesto di mettere in campo un’ampia rimodulazione del Por Calabria per riallocare le risorse europee, con una nuova prospettiva che deve tener conto delle mutate esigenze economico-sociali aggravate dalla crisi del coronavirus. Avremo davanti a noi diversi fronti assai problematici, e alla luce della strutturale ingessatura del bilancio della Regione (che va approvato necessariamente entro il 30 aprile) ho sottolineato che bisogna indirizzare le risorse della programmazione comunitaria sul fatto straordinario e nuovo che questa emergenza ci lascerà, con la speranza che ciò avvenga presto. Ho inoltre sollecitato l’entrata a pieno regime delle task force regionali, sanitaria ed economica. Oltre ovviamente di una Giunta regionale nel pieno delle sue funzioni». Secondo Irto, «la situazione in Calabria è diffcile e potenzialmente più pericolosa che altrove, considerata soprattutto la drammatica condizione dei nostri ospedali. Siamo stati informati dell’aumento dei posti in terapia intensiva (90) e subintensiva (310) su tutto il territorio regionale, uno sforzo molto apprezzabile ma che nessuno può prevedere n d’ora se potrà essere sufciente. Occorre perciò mantenere altissima l’attenzione su questi temi, oltre che sull’economia che deve fare i conti con la strutturale fragilità del sistema produttivo regionale. Sarebbe troppo facile, per me, mettermi a criticare dall’opposizione. Avremo tempo e modo di scontrarci nel merito delle questioni, ma – conclude Irto – è uno dei momenti più difcili della nostra storia e per questo dobbiamo lavorare insieme, ognuno con le proprie responsabilità e prerogative, per aiutare la Calabria a superarlo».

Corriere della Calabria del 13 marzo 2020

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.corrieredellacalabria.it/regione/item/229527-irto-lavorare-insieme-ma-ce-bisogno-di-una-giunta-nel-pieno-delle-funzioni/)Link articolo Corriere della Calabria del 13 marzo 2020[Link articolo Corriere della Calabria del 13 marzo 2020]0 kB

«Rappresentare l’Italia, il Mezzogiorno e la Calabria nel Comitato delle Regioni a Bruxelles è una responsabilità di cui mi faccio carico con amore verso la mia terra e con l’obiettivo di contribuire a migliorare le istituzioni europee».

Il consigliere regionale Nicola Irto ha commentato così il suo insediamento nel prestigioso organismo continentale, del quale – unico componente dell’Assemblea legislativa calabrese – farà parte per i prossimi cinque anni. L’esponente politico del Partito Democratico, che fa parte del gruppo del Partito socialista europeo, è membro titolare del Cor, la cui plenaria di insediamento si è celebrata nella più prestigiosa delle sedi, l’emiciclo dell’Europarlamento nella capitale belga.
«Dopo l’esperienza molto significativa che, da presidente del Consiglio regionale nella passata legislatura, ho avuto l’opportunità di svolgere alla Calre, sono sempre più consapevole che non ci siano alternative a un convinto europeismo. Al tempo stesso, però, ritengo necessaria un’evoluzione del rapporto tra istituzioni comunitarie e cittadini. Come ho più volte evidenziato in questi anni, in cui la Calabria è stata protagonista nell’ambito dell’attività dei parlamenti regionali, occorre costruire un’Europa dei popoli e dei territori, che rispetti le identità e le specificità locali. Quanto sta accadendo a livello continentale, cioé una crescente e diffusa insofferenza nei confronti delle istituzioni europee, fino all’epilogo assai grave della Brexit, impone a tutti noi una riflessione seria sul futuro. Per cambiare il diffuso sentimento di euroscetticismo che continua ad albergare nei cittadini, il lavoro del Comitato delle Regioni potrà rivelarsi prezioso».

Nicola Irto spiega quali saranno le priorità della sua azione politica a Bruxelles: «E’ mia intenzione portare in questa sede e far valere le istanze del livello istituzionale e del territorio che rappresento. Attraverso il ruolo consultivo del Cor, proveremo a incidere su materie delicate come la politica di coesione, la sanità pubblica, i trasporti, l’energia, l’istruzione e la cultura. Ma non mancheremo di sottoporre pareri su altri problemi dei territori che, in questi anni, ho avuto modo di conoscere da vicino. Mi riferisco, tra gli altri, ai nostri pescatori, penalizzati dal quadro normativo comunitario, e al comparto agricolo, i cui imprenditori sono costretti a districarsi tra mille vincoli ma anche a fare i conti con eventi meteorologici imprevedibili e gravi. Sullo sfondo – conclude Nicola Irto – si staglia la più attuale e importante delle questioni, quella ambientale. L’European green deal, nella difficilissima sfida volta ad azzerare le emissioni entro il 2050, comporterà investimenti per miliardi di euro in tutto il Continente. E’ una partita alla quale il Mezzogiorno e la Calabria devono arrivare pronti. Il mondo ha imboccato la strada dello sviluppo sostenibile e dell’economia circolare. Non possiamo perdere tempo».

“E' una giornata di festa per il popolo reggino. Oggi, con l'arrivo della Vara della Madonna della Consolazione nel laboratorio che abbiamo allestito a palazzo Tommaso Campanella, inizia la fase operativa del restauro che abbiamo fortemente voluto e che si sta concretizzando nei tempi previsti. Tempi brevissimi, che ci consentiranno di vedere la grande macchina a spalla che trasporta la Sacra effigie restituita alla sua straordinaria bellezza, prima della celebrazione delle feste mariane del prossimo mese di settembre”. E' quanto afferma il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Nicola Irto, che questa mattina ha accolto la Vara, trasportata dai suoi portatori, nella sede dell'assemblea legislativa calabrese, e l'ha accompagnata nella sala Federica Monteleone che ospita i lavori di restauro. “Da reggino e da devoto – prosegue Irto - tenevo moltissimo alla realizzazione di questo progetto. Mi ha fortemente emozionato vedere arrivare i portatori che avevano caricato sulle loro spalle l'imponente struttura, che rappresenta un simbolo dell'identità reggina e del nostro stesso senso di comunità. Ringrazio il direttore del segretariato regionale del Mibact, Salvatore Patamia, e il presidente dell'associazione 'Portatori della Vara' Gaetano Surace perché grazie alla sinergia con loro è stato possibile arrivare a questo risultato, atteso dal 1960 e oggi finalmente divenuto realtà. Il mio auspicio – conclude il presidente Irto – è che tantissimi reggini e tantissimi fedeli nei prossimi quattro mesi frequentino palazzo Campanella per assistere al recupero conservativo della Vara, rafforzando così l'inscindibile legame tra l'istituzione del Consiglio e la nostra città, che del parlamento regionale è sede per Statuto e per un solenne e inderogabile patto assunto dal popolo calabrese”.

 

 

Allegati:
Scarica questo file (fac-simile irto.pdf)Facsimile_Irto[Facsimile_Irto]534 kB

“Il restauro della Vara della Madonna della Consolazione non è solo un fatto di enorme significato, nel segno della devozione, che la città di Reggio ha atteso per 60 anni. E' anche un risultato che nasce da un metodo vincente: quello della condivisione, della più ampia sinergia istituzionale e del rigoroso rispetto dei tempi. Ritengo che se applicassimo questo metodo agli altri ambiti della vita sociale, la Calabria farebbe piccoli ma costanti passi avanti in tutti i settori”. E' quanto ha affermato il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Nicola Irto, intervenendo alla conferenza stampa di presentazione dell'apertura del cantiere per il restauro della macchina a spalla della sacra effigie della Patrona di Reggio Calabria. L'appuntamento (aperto alla cittadinanza) è fissato per sabato 4 gennaio alle 10 del mattino, con l'arrivo della Vara nel laboratorio di restauro allestito nella sala “Federica Monteleone” di palazzo Campanella.
All'incontro di stamani con gli operatori dell'informazione hanno partecipato, assieme al presidente Irto, Salvatore Patamia, direttore del Segretariato regionale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo per la Calabria; Giuseppe Falcomatà, sindaco della Città di Reggio Calabria; don Demetrio Sarica, direttore dell’Ufficio ecclesiastico dei beni culturali; e Gaetano Surace, presidente dell’associazione “Portatori della Vara”. Il progetto e il procedimento amministrativo del restauro sono stati illustrati, sul piano tecnico, dagli architetti Nino Sulfaro, coordinatore e direttore scientifico degli allestimenti, della mostra e degli eventi “Intorno alla Vara”, e Salvatore Amaddeo, responsabile unico del procedimento.
Il presidente Irto ha evidenziato come “l'intervento per il restauro sia oggi possibile, all'esito di un procedimento complesso dal punto di vista organizzativo, logistico e amministrativo, per il quale sento di ringraziare sia gli uffici del segretariato regionale del Mibact, sia il segretariato generale e l'ufficio tecnico del Consiglio regionale. Il valore, non solo economico, della Vara, i vincoli ministeriali, la complessità nella selezione dell'impresa, la volontà di non spostare la Vara da Reggio e la tempistica estremamente ridotta dell'intervento hanno imposto un lavoro intensissimo condensato in pochi mesi”.
Per il rappresentante dell'Assemblea legislativa calabrese, “siamo riusciti a evitare che la preziosa macchina votiva dovesse essere trasportata fuori regione. La Vara non si è mai mossa da Reggio e non dovrà spostarsi. Tutto questo – ha concluso Nicola Irto – ha rafforzato ulteriormente il rapporto tra il Consiglio regionale e la città: la sede del parlamento calabrese è patrimonio istituzionale, culturale e storico di Reggio e, attraverso l'allestimento del laboratorio di restauro della Vara, nella stessa sala che ospitò quello dei Bronzi di Riace, questo legame è destinato a rinsaldarsi ancora di più”.

    

f t g

Nicola Irto - Sito ufficiale

Vicepresidente Consiglio regionale della Calabria

via Cardinale Portanova
89100 Reggio Calabria
e-mail: segreteria.nicolairto@gmail.com
tel. 0965.880992

Privacy Policy

 

 

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere direttamente sulla tua e-mail news e bandi