“E' una giornata di festa per il popolo reggino. Oggi, con l'arrivo della Vara della Madonna della Consolazione nel laboratorio che abbiamo allestito a palazzo Tommaso Campanella, inizia la fase operativa del restauro che abbiamo fortemente voluto e che si sta concretizzando nei tempi previsti. Tempi brevissimi, che ci consentiranno di vedere la grande macchina a spalla che trasporta la Sacra effigie restituita alla sua straordinaria bellezza, prima della celebrazione delle feste mariane del prossimo mese di settembre”. E' quanto afferma il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Nicola Irto, che questa mattina ha accolto la Vara, trasportata dai suoi portatori, nella sede dell'assemblea legislativa calabrese, e l'ha accompagnata nella sala Federica Monteleone che ospita i lavori di restauro. “Da reggino e da devoto – prosegue Irto - tenevo moltissimo alla realizzazione di questo progetto. Mi ha fortemente emozionato vedere arrivare i portatori che avevano caricato sulle loro spalle l'imponente struttura, che rappresenta un simbolo dell'identità reggina e del nostro stesso senso di comunità. Ringrazio il direttore del segretariato regionale del Mibact, Salvatore Patamia, e il presidente dell'associazione 'Portatori della Vara' Gaetano Surace perché grazie alla sinergia con loro è stato possibile arrivare a questo risultato, atteso dal 1960 e oggi finalmente divenuto realtà. Il mio auspicio – conclude il presidente Irto – è che tantissimi reggini e tantissimi fedeli nei prossimi quattro mesi frequentino palazzo Campanella per assistere al recupero conservativo della Vara, rafforzando così l'inscindibile legame tra l'istituzione del Consiglio e la nostra città, che del parlamento regionale è sede per Statuto e per un solenne e inderogabile patto assunto dal popolo calabrese”.

 

 

Allegati:
Scarica questo file (fac-simile irto.pdf)Facsimile_Irto[Facsimile_Irto]534 kB

“Il restauro della Vara della Madonna della Consolazione non è solo un fatto di enorme significato, nel segno della devozione, che la città di Reggio ha atteso per 60 anni. E' anche un risultato che nasce da un metodo vincente: quello della condivisione, della più ampia sinergia istituzionale e del rigoroso rispetto dei tempi. Ritengo che se applicassimo questo metodo agli altri ambiti della vita sociale, la Calabria farebbe piccoli ma costanti passi avanti in tutti i settori”. E' quanto ha affermato il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Nicola Irto, intervenendo alla conferenza stampa di presentazione dell'apertura del cantiere per il restauro della macchina a spalla della sacra effigie della Patrona di Reggio Calabria. L'appuntamento (aperto alla cittadinanza) è fissato per sabato 4 gennaio alle 10 del mattino, con l'arrivo della Vara nel laboratorio di restauro allestito nella sala “Federica Monteleone” di palazzo Campanella.
All'incontro di stamani con gli operatori dell'informazione hanno partecipato, assieme al presidente Irto, Salvatore Patamia, direttore del Segretariato regionale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo per la Calabria; Giuseppe Falcomatà, sindaco della Città di Reggio Calabria; don Demetrio Sarica, direttore dell’Ufficio ecclesiastico dei beni culturali; e Gaetano Surace, presidente dell’associazione “Portatori della Vara”. Il progetto e il procedimento amministrativo del restauro sono stati illustrati, sul piano tecnico, dagli architetti Nino Sulfaro, coordinatore e direttore scientifico degli allestimenti, della mostra e degli eventi “Intorno alla Vara”, e Salvatore Amaddeo, responsabile unico del procedimento.
Il presidente Irto ha evidenziato come “l'intervento per il restauro sia oggi possibile, all'esito di un procedimento complesso dal punto di vista organizzativo, logistico e amministrativo, per il quale sento di ringraziare sia gli uffici del segretariato regionale del Mibact, sia il segretariato generale e l'ufficio tecnico del Consiglio regionale. Il valore, non solo economico, della Vara, i vincoli ministeriali, la complessità nella selezione dell'impresa, la volontà di non spostare la Vara da Reggio e la tempistica estremamente ridotta dell'intervento hanno imposto un lavoro intensissimo condensato in pochi mesi”.
Per il rappresentante dell'Assemblea legislativa calabrese, “siamo riusciti a evitare che la preziosa macchina votiva dovesse essere trasportata fuori regione. La Vara non si è mai mossa da Reggio e non dovrà spostarsi. Tutto questo – ha concluso Nicola Irto – ha rafforzato ulteriormente il rapporto tra il Consiglio regionale e la città: la sede del parlamento calabrese è patrimonio istituzionale, culturale e storico di Reggio e, attraverso l'allestimento del laboratorio di restauro della Vara, nella stessa sala che ospitò quello dei Bronzi di Riace, questo legame è destinato a rinsaldarsi ancora di più”.

Allegati:
Scarica questo file (Nicola Irto.pdf)Nicola Irto Elezioni regionali 2020[Nicola Irto Elezioni regionali 2020]754 kB

f t g

Nicola Irto - Sito ufficiale

Vicepresidente Consiglio regionale della Calabria

via Cardinale Portanova
89100 Reggio Calabria
e-mail: segreteria.nicolairto@gmail.com
tel. 0965.880992

 

 

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere direttamente sulla tua e-mail news e bandi